•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 16 maggio, 2014

articolo scritto da:

Cagliari, la spada di Damocle è il suo stesso stadio

Cellino Cagliari

Il benestare dell’organismo della Prefettura consente adesso di procedere con i lavori per la sistemazione dei settori del Sant’Elia ancora incompleti, la curva sud e i distinti. Per l’ok definitivo in vista dell’indicazione alla Lega dello stadio per l’iscrizione al campionato ora bisogna aspettare i lavori e i collaudi degli interventi effettuati. Che le cose si stessero mettendo bene si era capito già da metà riunione: il sindaco di Cagliari, Massimo Zedda, uscito per una pausa, era sembrato abbastanza soddisfatto dall’andamento dell’incontro. Il grosso del lavoro era stato svolto nei giorni scorsi anche in riunioni separate tra Cagliari, Comune e Genio Civile: tutto per essere pronti per l’incontro decisivo in prefettura. Ora possono cominciare gli interventi al Sant’Elia: i distinti, da quello che hanno potuto vedere i pochi tifosi (mai più di 5 mila) che in questo campionato hanno frequentato lo stadio, sembrano quasi a posto. In alto mare invece la curva sud: il cantiere, appena iniziato, non è mai decollato.

Stadio Sant'Elia

La ristrutturazione a blocchi, però, potrebbe essere troppo difficile, anche secondo Paolo Truzzu, consigliere della Regione Sardegna ed appartenente a Fratelli d’Italia, che con Calcio&Finanza ha parlato più da tifoso rossoblù che da rappresentante delle istituzioni.”Un modello potrebbe essere quello di Udine, che nacque a partire da una gara d’appalto a carattere europeo e che vide, poi, come unico partecipante il club friulano”. Lo stadio è del Comune e grava sul suo bilancio, secondo Truzzu non si può quindi optare per l’affidamento diretto a Silvestrone, non è normativamente possibile. L’appalto è pubblico ed è imprescindibile che per dare vita al nuovo Sant’Elia ci vogliano delle gare pubbliche, che potrebbero far rischiare molto, date le tempistiche, in vista dell’iscrizione al prossimo campionato di calcio. “La deroga è da escludere, non si può giocare in A con 5.000 spettatori, l’unica possibilità è Is Arenas, più funzionale dell’attuale Sant’Elia”. I tempi per il Cagliari si stringono e tutto i popolo rossoblù spera che sul club possa tornare il sereno per affrontare nel migliore dei modi la prossima stagione. “Lo stadio è un bene della collettività che grazie ai suoi servizi può dare lavoro a molte persone, mentre ora è un rudere che costa 300.000 euro all’anno”.

 

Il proprietario del Leeds United Massimo Cellino ha affermato che di essere un buon virus in un’intervista a ITV News Calendar. Ha paragonato il club ad un aereo jet con troppe persone e troppi bagagli a bordo. “Se vogliono buttarmi fuori, come un virus, dovranno impegnarsi di più”, ha detto. Cellino sta cercando di sbarazzarsi di 40 lavoratori di Elland Road, così come di circa 400 lavoratori occasionali. Intanto il segretario del club Alison Royston è stato sospeso per ragioni che non sono ancora chiare in attesa di un’indagine interna. Non è un segreto che Cellino voglia sbarazzarsi del manager Brian McDermott, ma costerebbe almeno 1,6 milioni di sterline per pagare gli off, dato che ha ancora due anni di contratto. Infine la Football League sta indagando sulla chiusura temporanea di Cellino del campo di allenamento di Thorp Arch.

In collaborazione con Calcio & Finanza

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento