•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 7 agosto, 2014

articolo scritto da:

Russia, embargo su prodotti Usa e Ue

La Russia non importerà prodotti alimentari dall’Occidente per almeno un anno. Il provvedimento che il governo russo ha deciso di opporre alle sanzioni occidentali varate in seguito alla crisi in Ucraina riguarderà carne, pesce, latte e latticini, frutta e verdura prodotti negli Stati Uniti, nei paesi dell’Ue ma anche in Norvegia, Canada e Australia. Non sono sulla “lista nera” i prodotti per l’infanzia e quelli acquistati all’estero dai turisti stranieri.

L’embargo totale dei prodotti agro-alimentari era stato anticipato a Marzo dalla “guerra dei prosciutti”. La Russia in quell’occasione aveva chiuso le frontiere all’export dei maiali, sia delle carni sia dei trasformati, europei in seguito alla scoperta di alcuni casi di cinghiali affetti da peste suina africana in Lituania, Polonia e al confine con la Bielorussia. In realtà si trattava allora come oggi di una rappresaglia al sostegno dato da Bruxelles al colpo di stato che spodestò Yanukovich.

Il premier Medvedev ha dichiarato che la durata del blocco totale potrebbe ridursi se i partner commerciali della Russia avranno un atteggiamento più costruttivo riguardo alle sanzioni. Tuttavia sembra che stiano per arrivare altre contro misure da Mosca. Sempre Medvedev ha annunciato che è in progetto di vietare alle compagnie aeree ucraine di sorvolare il territorio russo in direzione Georgia, Armenia, Azerbaigian e Turchia. In più potrebbero essere ritracciate le rotte per gli aerei delle compagnie europee. È intenzione del governo vietare ai voli europei di sorvolare la Siberia allungando non di poco le rotte verso l’Asia.

russia guerra

Secondo i dati Eurostat nel 2013 l’export di alimentari e bestiame dall’Ue valeva 8,8 miliardi di euro. Dall’Europa la Russia importa il 40% dei propri alimentari. È il maggiore destinatario di frutta e verdura proveniente dall’Ue (2 miliardi) e il secondo acquirente mondiale di pollo made in Usa. Adesso si aspetta che i produttori russi raccolgano la sfida dell’”autarchia”, in ogni caso Uzbekistan e Bielorussia sono pronti a proporsi come nuovi fornitori. Si sono fatti avanti anche Brasile e Argentina.

Allarme per il settore agroalimentare italiano: il giro di affari con la Russia l’anno scorso valeva 706 milioni di euro, nonostante la crisi ucraina è cresciuto dell’1% nel primo quadrimestre del 2014. Secondo la Coldiretti: “a rischio ci sono spedizioni di ortofrutta per un importo di 72 milioni di euro nel 2013, di pasta per 50 milioni di euro, ma in aumento del 20 per cento nel primo quadrimestre del 2014 e carni per 61 milioni di euro”. Non preoccupa invece l’esportazione di bevande, vini e spumanti italiani (375 milioni all’anno, il 16% del totale delle esportazioni agroalimentari). Nel 2011 la società Gancia (storico marchio di Asti, ndr) è divenuta di proprietà per il 70% dell’oligarca russo Rustam Tariko, proprietario della banca e della vodka Russki Standard.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

17 Commenti

  1. Nunzio Poziello ha scritto:

    Con la crisi che c’é,questa nn ci voleva proprio..l’UE é troppo debole per fare la guerra alla russia

  2. Eric Penna Nera ha scritto:

    il nostro governo dimostra di essere composto da ignoranti e incapaci. Il voler leccare il culo agli Usa, seguendo le imposizioni impartite sulla vicenda ucraina, anzichè fare i propri interessi, significa davvero che questa gente deve essere cacciata a pedate nel culo, prima di fare ancora più danni di quelli fatti da Monti. Lo sanno anche le pietre che i primi a rimetterci siamo noi, visto che siamo fra i principali esportatori nel settore agroalimentare, vista l’eccellenza dei nostri prodotti agricoli. Agire contro la Russia significa tagliare le gambe alle nostre aziende, ai nostri lavoratori, alla nostra economia. Ancor più se pensiamo che in moltissimi settori abbiamo pochi mesi fa rinnovato accordi commerciali con la Russia. Siamo già in periodo di crisi economica, e questo può far solo incrementare il danno e la chiusura a catena delle nostre aziende. Questi ignoranti che governano se non lo hanno compreso o se se ne fregano, in entrambi i casi danneggiano l’Italia intera. Per non parlare della situazione del gas, se tagliano le forniture, vengono i vari Renzi e Mogherini a scaldare le chiappe ai cittadini italiani?

  3. Giannettore Bonetti ha scritto:

    Ma di che ci si meraviglia? Chi ha iniziato con le sanzioni non può che aspettarsele di ritorno

  4. Nicola Pedone ha scritto:

    che telegiornale hai visto ? ascolta bene quello che ha detto la mogherini .

  5. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Vodka please

  6. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Qualcuno dimentica che è caduto un aereo abbattuto dai filo russi.

  7. Lamberto Giusti ha scritto:

    E noi teniamoci i soldi degli oligarchi russi…

  8. Eric Penna Nera ha scritto:

    ascoltare la Mogherini, questo si che equivale a bere vodka…. Se poi ascoltiamo Renzi, allora stiamo messi anche peggio.

  9. Eric Penna Nera ha scritto:

    e chi se ne frega ce lo vogliamo aggiungere? Mandiamo all’aria l’economia italiana e le forniture di gas per un aereo che nemmeno ci riguarda?

  10. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Complimenti.

  11. Franco Gulino ha scritto:

    Abbattuto da un MIG di Kiev con tanto di fori da mitragliamento………… informati meglio prima di sparare cazzate.

  12. Alessandro Sopetti ha scritto:

    Non solo gli ucraini sparano a quanto vedo.

  13. Mario Spinelli ha scritto:

    Peggio per loro, torneranno a mangiare patate e patate e patate….

  14. Lorenzo Sassi ha scritto:

    L’ultimo statista con i controcoglioni

  15. Davide Bolli ha scritto:

    Altro risultato della politica di Vanna marchi da Firenze

Lascia un commento