•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 19 maggio, 2012

articolo scritto da:

Ad Atene sorge Alba Dorata tra pogrom e intimidazioni. Con l’aiuto dei Colonnelli.

E’ sorto un sole nero sulla Grecia, si chiama Alba Dorata, in greco Chrysi Avgi, il cui simbolo è un meandro nero su sfondo rosso, molti ci vedono una svastica, altri un rigurgito del passato, ma il 7% dei greci alle ultime elezioni ha visto in loro qualcosa di più e li ha votati: hanno conquistato 21 seggi in Parlamento e continuano ad essere sottovalutati dalle altre formazioni politiche, tanto che ad oggi né Samaras di Nea Dimokratia, né tanto meno il leader di Syriza, Alexis Tsipras li hanno interpellati durante le consultazioni per la costituzione di un nuovo governo. Forse, ma sono voci, lo sta facendo in queste ore il Pasok.

alba dorata

foto: IbTimes

State attenti, stiamo arrivando. Continueremo la nostra lotta dentro e fuori dal Parlamento”: queste le prime parole di Nikolaos Michaloliakos leader di Alba Dorata, e poche ore dopo, nella prima conferenza stampa ha subito chiarito il loro programma politico: “Minare le frontiere per impedire l’accesso agli immigrati, espellere e incarcerare gli stranieri già approdati in Grecia, introdurre la pena di morte per lo spaccio di droga, vietare per legge i sindacati, applicare i diritti legati alla cittadinanza ai soli greci e i loro diretti discendenti, uscire dall’euro, nazionalizzare le banche e le risorse naturali”.

[ad]Sono i neonazisti greci, ma rifiutano questa etichetta e si dichiarano nazionalisti. “La Grecia ai greci” grida Themis Skordelli, da molti considerata l’eminenza grigia che sta dietro ad Alba Dorata, implicata per concorso in omicidio e che dirige, di fatto, molti pogrom anti-immigrati nella zona di Agios Panteleimon e nell’Attica.

Nelle aree più colpite dalla crisi del centro della Grecia e nei quartieri popolari di Atene, come quello in cui hanno la sede in un appartamento fatiscente, dove maggiore è la presenza di immigrati hanno raggiunto anche il 20%. Il punto di forza del partito è la “pulizia” della Grecia dagli stranieri “Solo chi è ariano di sangue e greco di discendenza può essere un membro candidato”. È questo quanto si legge sul loro manifesto.

In Grecia però il problema degli stranieri è molto sentito, anzi è reale, il 90% dei clandestini diretti in Europa passa dalla penisola Ellenica, per quanto riguarda i regolari entrano 300 immigrati al giorno, che in base al Regolamento Dublino II dell’Unione Europea sono obbligati a chiedere asilo politico, in uno Stato che non ha né la voglia né le possibilità di accettare neppure un ventesimo delle domande presentate.

La “xenofobia ellenica”, fenomeno tra l’altro estremamente recente, è stata ampiamente sfruttata da tutte le formazioni politiche in campagna elettorale, si vedano in proposito l’apertura di trenta campi militari di “assistenza” agli immigrati, uno a pochi chilometri da Atene, i rastrellamenti di venditori ambulanti e quelli di prostitute straniere malate di H.I.V. durante i mesi di marzo e aprile.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] tremenda che con l’immigrazione non ha ovviamente nulla a che fare. Un po’ perché il programma politico di Alba Dorata parla chiaro: “Minare le frontiere per impedire l’accesso agli immigrati, espellere e […]

  2. […] L’Alba Dorata di Atene si leva minacciosa e sanguinaria, arrivando a colpire uno dei simboli della lotta antifascista nella terra di Socrate e Platone: Killa P, nome d’arte di Pavlos Fyssas. Una pugnalata al cuore mentre era in un bar con la ragazza a guardare una partita di pallone. Alle cinque del mattino la morte in ospedale. […]