•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 26 maggio, 2012

articolo scritto da:

Ballottaggio a Genova: ha vinto l’astensione

Il risultato del ballottaggio di Genova ha confermato le previsioni dei sondaggi che avevano pronosticato una vittoria di Marco Doria su Enrico Musso con una percentuale vicina al 60%. Il candidato del centro-sinistra ha infatti ottenuto il 59,7% dei voti contro il 40,3% del suo avversario.

[ad]Al di là del risultato, il dato più emblematico di questa tornata elettorale, emerso già al primo turno, è la scarsa affluenza degli elettori. Due settimane fa la partecipazione si era fermata al 55,5%, il livello più basso mai registrato in un’elezione comunale a Genova. Al ballottaggio la percentuale è stata ancora più esigua (39,1%) rimanendo abbondantemente al di sotto del 50% degli aventi diritto. Traducendo in cifre queste percentuali si ha un’idea ancora più chiara della forte disaffezione dei cittadini genovesi. Dei 502 mila elettori di questa città solo 196 mila si sono recati alle urne e i voti validi scendono a 191 mila escludendo le schede bianche o nulle. Marco Doria ha ottenuto circa 114 mila voti (il 22,7% dei voti) ed Enrico Musso circa 77 mila (il 15,3%).

Da questi numeri emerge in modo inequivocabile un problema di credibilità della politica. Anche il nuovo sindaco durante la sua prima conferenza stampa ha ribadito la necessità di ricostruire i legami con la società civile. Una società civile non solo delusa dalla generale degenerazione dei partiti a livello nazionale, ma anche da alcuni episodi che hanno avuto un particolare impatto sul capoluogo ligure (l’inchiesta su Francesco Belsito, vicesegretario della Lega Nord ligure oltre che tesoriere del partito a livello nazionale, lo scandalo dei gettoni di presenza al Consiglio Comunale). Proprio su questa “decadenza” dei partiti ha basato la propria campagna elettorale un altro genovese, il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo. I grillini hanno cavalcato l’ondata dell’antipolitica e il malcontento nei confronti della “casta” ottenendo un risultato al di sopra delle più rosee aspettative.

 

Una delle conseguenze più importanti del successo del M5S è l’ingresso di ben cinque consiglieri all’interno del Consiglio Comunale. Con questo risultato il movimento di Beppe Grillo può disporre di un numero di consiglieri pari a quello del Pdl e della lista civica che ha sostenuto Enrico Musso. Questa forza politica avrà quindi un peso notevole all’interno dell’aula consigliare, anche se la maggioranza a disposizione di Marco Doria è tale da non rendere necessario il suo sostegno esterno. Analizzando la composizione del Consiglio Comunale si nota inoltre che gli equilibri tra centro-destra e centro-sinistra si sono modificati non tanto per una crescita di quest’ultimo schieramento, quanto per il forte declino del primo.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Gian Vito Persiano ha scritto:

    L’alto astesionismo di Genova non è una novità in Italia, la stessa cosa accadde l’anno scorso a Napoli quando vinse de Magistris (il 60% dei consensi, ma sul 40%  dei votanti al ballotaggio). Inoltre, con i problemi creati dall’alluvione del novembre scorso e le accuse nei confronti di enti politici locali e nazionali, era prevedibile una certa disaffezione al voto.

Lascia un commento