•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 18 maggio, 2010

articolo scritto da:

USA 2010: primarie in Pennsylvania, Oregon, Kentucky e Arkansas

primarie repubblicani

In  tre stati su quattro si tengono consultazioni molto equilibrate che decideranno le candidature per i seggi senatoriali di PA, KY e AR. Con un’occhiata al clima politico nazionale
Clima, indubbiamente, orientato verso una profonda sfiducia dei partiti, in particolare i Democratici che governano il Paese in un momento di grandi difficoltà. La recessione economica e il tasso di disoccupazione schizzato al 10% sono due tra le principali cause del sentimento di rabbia e delusione che viene percepito dalla maggior parte dei sondaggi.

USA 2010: primarie in Pennsylvania, Oregon, Kentucky e Arkansas

PENNSYLVANIA

[ad]Nello stato di Philadelphia e Pittsburgh ci sarà la primaria più seguita di questa prima tornata elettorale. Tra i Democratici si sfidano Arlen Specter, monumento della politica americana, e Joe Sestak, un Congressman che ha sfidato l’establishment del suo partito. Specter, in Senato da 30 anni, è stato a lungo un simbolo dell’anima moderata dei Repubblicani, gradualmente diventata minoranza a partire dalla rivoluzione reaganiana degli anni ’80. Specter ha deciso di lasciare il Gop l’anno scorso, dopo che aveva capito di non aver più chance di vittoria nelle primarie del suo partito. Il senatore della Pennsylvania contrattò un percorso sicuro per la candidatura in cambio del suo arrivo tra le file democratiche, ma l’anima progressista del partito del presidente si è ribellata, coagulandosi attorno alla sfida di Sestak. Il Rappresentante del settimo distretto della Pennsylvania, nonostante l’opposizione dei vertici del partito, in primis il governatore Rendell, ha deciso di correre contro il neo arrivato Specter. Sestak ha condotto una campagna di stampo progressista, spostandosi rispetto alle sue iniziali credenziali di moderato, ed  è riuscito nelle ultime settimane a chiudere il gap con il suo avversario. Specter vinse nel 2004 le primarie repubblicane con un margine di soli 2 punti percentuali, e anche martedì la competizione sarà molto equilibrata. Il senatore in carica può contare su un vantaggio finanziario e sull’appoggio dei sindacati, ma il clima anti incumbent e l’evidente opportunismo delle sue scelte hanno consentito a Sestak di mantenere competitiva un’elezione primaria che sembrava senza storia qualche mese fa.

Sul fronte repubblicano lo strafavorito della vigilia è Pat Toomey, che nel 2004 arrivò vicinissimo alla vittoria nelle primarie repubblicane contro Specter, che spaventato dalla sua ricandidatura ha deciso di cambiar casacca. Per le generali di novembre l’attuale favorito nei sondaggi è Toomey, che nonostante il record ultra conservatore è riuscito ad intercettare il forte disagio che si riscontra nell’elettorato.  In contemporanea si svolgeranno anche le suppletive del 12esimo Distretto Congressuale della Pennsylvania, convocate dopo la morte del Rappresentante John Murtha. Il candidato democratico è Mark Critz, responsabile del collegio per il deceduto Murtha, che sfiderà l’imprenditore repubblicano Tim Burns. L’elezione è particolarmente interessante data la natura equilibrata del distretto congressuale, che è stato l’unico a livello nazionale a premiare Kerry nel 2004 e McCain nelle ultime presidenziali. La suppletiva permetterà di capire il clima rilevato dai sondaggi nazionali, che rilevano un grande equilibrio tra i due partiti nazionali, in un collegio particolarmente rappresentativo di un segmento di elettorato, la classe lavoratrice bianca a bassa scolarizzazione, particolarmente critica nei confronti dell’Amministrazione Obama.

KENTUCKY

In Kentucky le anime dei due partiti si scontrano alle primarie senatoriali. Tra i Repubblicani si cerca il sostituto del senatore Bunning, molto impopolare e convinto al ritiro per il timore di perdere il seggio. La sfida ha rivelato il conflitto maturato in seno al Gop tra l’ala più tradizionale, legata all’establishment del partito, e il movimento del Tea Party. I big repubblicani hanno appoggiato Trey Grayson, Segretario di Stato del Kentucky. La base conservatrice ha invece lanciato la candidatura di Rand Paul, figlio di Ron Paul, attivo da anni nello Stato con un’organizzazione anti tasse. Il sostegno del Tea Party ha permesso una raccolta finanziaria record per la campagna di Paul, che gradualmente ha costruito un importante vantaggio a livello demoscopico.

Tra i Democratici è comparsa una simile dinamica, con il moderato Mongiardo, il vice governatore dello Stato, sfidato dal liberal Conway. I sondaggi rilevano un grande equilibrio, e nonostante la natura conservatrice del Kentucky, Rand Paul sembra il favorito ma non il sicuro vincitore delle generali di novembre.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments