•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 3 settembre, 2012

articolo scritto da:

Analisi Sondaggio Ipr Marketing 03/09/12

Dopo la pausa estiva riprendiamo il nostro consueto appuntamento con l’analisi dei sondaggi. Il primo sondaggio elettorale realizzato dopo le vacanze porta la firma di Ipr Marketing ed è stato pubblicato dal Tg 3.

 

Liste %
PD 26
PDL 20
MOVIMENTO 5 STELLE 15
UDC 7
SEL 6
IDV 6
LEGA NORD 5
FLI 2,5
GRANDE SUD 1,5
FDS 1,5
RADICALI 1,5
API 1
VERDI 1
MPA 1
LA DESTRA 1
PARTITO SOCIALISTA 1
ALTRI 3
Area non voto 44

Il contesto generale non sembra mutato rispetto ai mesi precedenti la pausa estiva. Il Pd si conferma  il primo partito, anche se lontano dalla quota del 30% che renderebbe più semplice, per  Bersani, affrontare con serenità qualsiasi riforma elettorale.

[ad]Il Pdl si conferma intorno alla percentuale di sopravvivenza del 20% mentre il Movimento 5 Stelle continua ad attestarsi su percentuali significative.

Rispetto ai partiti “più piccoli” soltanto l‘Udc sembra in leggera crescita rispetto al passato recente, probabilmente anche a causa dello spazio mediatico che viene necessariamente offerto a Casini, sopratutto quando si parla di alleanze. Molto vicini fra loro risultano essere Idv-Sel (centro-sinistra) e Lega Nord (centro-destra).

Preoccupante rimane l’area del non voto che, a pochi mesi dalle elezioni, continua ad essere percentualmente molto elevata.

Prima di concludere è utile concentrarsi su due aspetti di questa strana estate. In primo luogo molti si aspettavano un’estate bollente sulla falsa riga del 2011 mentre, soprattutto dal punto di vista della pressione sui titoli di stato, non c’è stato il temuto attacco speculativo. Questa condizione ha senz’altro privato di validi argomenti chi, da mesi, sostiene la necessità di un governo tecnico anche dopo il 2013.

Il secondo aspetto rilevante è rappresentato da Renzi, il quale ha lanciato la propria candidatura per le primarie. Il problema è che queste primarie non sono ancora in calendario e non sono neanche certe. Tra i due aspetti esiste un punto di connessione?

Probabilmente sì, visto che una delle armi in mano a molti democratici (dalemiani in testa) per disinnescare le primarie, sembrava essere la necessità di un governo di “salvezza nazionale”, con buona pace delle alleanze tradizionali e quindi anche delle primarie.

Una volta venuta a mancare tale motivazione a sostegno dei “montiani” è evidente che la partita, nel centro-sinistra, si riapre con diversi protagonisti come Vendola e sopratutto Renzi. Non è quindi un caso se il sindaco di Firenze ha deciso di aspettare la fine dell’estate per annunciare la propria candidatura e  il tour elettorale per l’Italia.

I più impreparati, in questa fase, risultano essere gli uomini della nomenklatura del Pd con Bersani in testa, che non sembra intenzionato a fare campagna elettorale (per se stesso naturalmente) mentre Renzi, quasi tutti i giorni, attraverso i media, conquista pezzi di scena pubblica, favorito anche dalle infelici uscite di alcuni “vecchi” come Fioroni o la Bindi.

In definitiva, la sensazione è che la prossima sarà una campagna elettorale tradizionale dove la prospettiva di governi simil-tecnici rimarrà sullo sfondo e dove le coalizioni si confronteranno su proposte alternative. Certo, alcuni pezzi del puzzle mancano ancora.  In primis la legge elettorale che sarà determinante nella costruzione delle coalizioni. Tuttavia le affermazioni di Monti sulla fine della crisi (se il paziente sta meglio il medico “tecnico” non serve più) e sopratutto il silenzio di Berlusconi sono elementi che riaprono la strada ad un normale sviluppo democratico del Paese, segnato da elezioni libere e da due “poli” alternativi che si fronteggiano per il governo dello stesso.

 

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

articolo scritto da:

7 Commenti

  1. Salvatore Gentile ha scritto:

    Sono refrattario a qualunque sondaggio !!!!!

  2. Salvatore Gentile ha scritto:

    Sono refrattario a qualsiasi sondaggio !!!!

  3. Francesco M ha scritto:

    Per capire meglio quanto sia significativo quel 44% di Non voto, è possibile fare un confronto con periodi analoghi? E avere delle spaccature macroregionali del sondaggio? Sarei curioso di sapere cosa prende il PD al Nordo

  4. Francesco M ha scritto:

    Per capire meglio quanto sia significativo quel 44% di Non voto, è possibile fare un confronto con periodi analoghi? E avere delle spaccature macroregionali del sondaggio? Sarei curioso di sapere cosa prende il PD al Nord.

  5. matteo ha scritto:

    sondaggi elettorali truccati il pdl dvrebbe stare al 10  -12 per cento 

  6. Fabriziosat ha scritto:

    I sondaggi tranne in alcuni casi non colgono l’insieme della situazione sociale attuale non valuta la crisi sociale del paese al collasso quindi non veritieri facendosi sfuggire nella mentalità degli italiani (nel Pd è il Pdl) non nè valutano le esigenze della popolazione . Questo prefigura che al momento del voto la maggioranza degli Italiani sia indecisi che nulli per paura di non arrivare  al quorum andrà al voto, voterà, chi per il cittadino rispecchia il proprio disaggio.. La maggioranza degli italiani si rivolgerà al Movimento 5 Stelle. Aggiungerei da una analisi è dalla emotività collettiva Italiana che identifica nel Pd la mancanza di supporto al classe operaia perdendo moltissimi voti è nel Pdl l’incapacità di valutare soprattutto nel periodo legislativo in carica il dramma italiano nella crisi specie di chi come Tremonti teneva i bilanci dei conti pubblici per non dire la delusioni è falsità dimostrata dall’ex. Premier Berlusconi. Non tutti gli italiani dimenticano.

    • Vvbnxxx ha scritto:

      Sono sondaggi falsi, specialmente per i primi due partiti, gli hanno raddoppiato le preferenze!! Il 5 stelle è pù del doppio assegnatogli, a me risulta già al 50%, ma chi li fa sti sondaggi? Per voi è finita signori giornalisti e politici.

Lascia un commento