•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 24 ottobre, 2009

articolo scritto da:

Sondaggio TP Primarie PD: Bersani in testa, ma a rischio la quota 50%. Marino in crescita

Sondaggio TP Primarie PD: Bersani in testa, ma a rischio la quota 50%. Marino in crescita
CLICCA QUI PER TUTTI I RISULTATI E I COMMENTI IN DIRETTA

Sondaggio TP Primarie PD: Bersani in testa, ma a rischio la quota 50%. Marino in crescita

Sono i primi risultati del sondaggio CAWI condotto da Termometro Politico tra ieri e oggi, con un campione di 4.000 casi. I dati sono stati profilati per sesso, età, regione di residenza, titolo di studio, professione e voto passato (Primarie 2007 e Europee 2009). Sono stati presi in considerazione solo i probabili votanti alle consultazioni di domenica, cioè quanti dichiarano che ‘sicuramente’ o ‘probabilmente’ andranno alle urne.

Pier Luigi Bersani appare in testa (sopra il 47%), ma è a rischio il raggiungimento del 50% più uno dei voti necessario per non passare dall’Assemblea del PD; Dario Franceschini e soprattutto Ignazio Marino sono in crescita rispetto ai risultati dei congressi di circolo, con l’attuale segretario stimato tra il 37 e il 40% e il senatore chirurgo tra l’11,5 e il 14,5.
Si tratta comunque solo di una prima stima, basata su una previsione di affluenza a 1,5-1,7 milioni di votanti. Secondo il PD sono stati superati i 2 milioni di votanti alle 17.30, il che rende la corsa più incerta e difficile da valutare.

LEGGI TUTTI I DATI E I GRAFICI DEI VOTI IN INGRESSO

 

I grafici mostrano la composizione “elettorale” degli italiani orientati a votare domani alle primarie del Partito Democratico (sulla base del voto dato alle recenti elezioni Europee di giugno).

[ad]Come possiamo vedere, in tutti e tre i candidati (e in quelli che andranno a votare ma sono ancora indecisi), prevale fortemente la componente di chi ha votato PD a giugno. L’elettorato democratico che dice che voterà alle primarie avvantaggia nettamente Franceschini e Bersani su Marino. Ma è interessante anche la diversa combinazione di chi ha votato altri partiti.

Naturalmente, per la stragrande maggioranza gli altri partiti sono partiti di centrosinistra: in primis l’Italia dei Valori, che raccoglie tra il 5 e il 19% di chi andrà a votare per i tre candidati (se guardiamo alla distribuzione per ogni candidato, l’elettorato dipietrista premia soprattutto Marino, mentre il più penalizzato è Bersani).

Anche la sinistra radicale, composta da chi ha votato alle europee Sinistra e Libertà o Rifondazione – Comunisti italiani, è presente in questo elettorato, con una percentuale che va dal 3% al 13% (in particolare, in questo elettorato va forte Marino, mentre Bersani regge e Franceschini appare decisamente debole). E chi a giugno ha votato invece la lista Pannella-Radicali a giugno inciderà tra l’1 e il 5% sull’elettorato delle primarie (tra i radicali la prevalenza del senatore chirurgo, noto per le battaglie sulla laicità, è netta e non sorprende, mentre a soffrire è soprattutto Bersani).

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

Pubblicità

articolo scritto da: