•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 1 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Fact checking di Pagella Politica: Grillo sul debito, la disoccupazione e la produzione industriale

beppe grillo

Beppe Grillo ha dichiarato: “Dopo più di un anno Rigor Montis ha tradito ogni promessa, il debito pubblico è aumentato di 100 miliardi nonostante nuove tasse, disoccupazione mai vista dal dopoguerra, prodotto industriale in picchiata”. Pagella Politica ha effettuato il fact checking della dichiarazione di Grillo e si è espressa con un “C’eri quasi”.

Nel suo irrituale discorso di fine anno, Beppe Grillo sostiene che una serie di indicatori economici sono peggiorati con il governo Monti. La racconta giusta il leader del Movimento 5 Stelle?

[ad]L’ultimo Supplemento “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” di Bankitalia a disposizione di Grillo, quando ha pronunciato questo discorso, era quello del 14 dicembre 2012. Nel documento si può osservare (tavola 4) che il debito pubblico ammontava a 2.014.693 milioni di euro, in confronto ai 1.912.389 milioni di euro del novembre 2011 (quando il governo Monti si è insediato). Un aumento pari a 102.304 milioni, perfettamente in linea con quei 100 miliardi citati dal megafono del M5S.

E la disoccupazione? Questa è sì aumentata nei 13 mesi di governo tecnico, ma non siamo di fronte a un livello “mai visto dal dopoguerra”, come denuncia Grillo. Per quanto i dati che abbiamo trovato si fermano al 1983, bastano per confutare la tesi di Grillo, poiché il tasso di 11,1% registrato dall’Istat a fine 2012è “appena” il più alto dal 1998. Nell’intero quadriennio 1995-1998, infatti, il tasso di disoccupazione si è attestato tra l’11,2 e l’11,3% (vedi dati Eurostat).

beppe grillo

Per quanto riguarda il prodotto industriale, il suo calo è ormai un tema della campagna elettorale ripreso spesso sia da Bersani che da Giannino. E Grillo? E’ indubbio che il calo sia continuato durante il governo Monti, e per dimostrarlo basta leggere i dati Eurostat sulla produzione industriale indicizzati al 2005 ed elaborati da Pagella Politica nel grafico qui sotto. Al momento dell’insediamento dell’attuale governo, il valore della produzione industriale era circa l’87% del valore 2005. A novembre 2012 (ultimo dato disponibile) tale valore era sceso di sei punti, raggiungendo l’81% circa. Siffatto decremento ha quasi portato i livelli al peggior risultato dal 1990 – quello di inizio 2009, quando, complice la crisi finanziaria, l’indice di produzione industriale era arrivato all’80% dei valori 2005. Come si può vedere molto chiaramente nel grafico, quei mesi possono essere considerati come il periodo in cui l’andamento era effettivamente “in picchiata”. Tuttavia, i dati per il 2011-2012 sono anch’essi indubbiamente negativi, quindi possiamo dare fondamentalmente ragione a Grillo.

Due dati corretti e uno esagerato: “C’eri quasi” per Grillo.

Se vuoi leggere tutti i fact-checking sulle dichiarazioni di Beppe Grillo visita il suo profilo su Pagellapolitica.it.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
claudio
claudio

I numeri sono chiari, il sistema capitalista è agonizzante, questa è la verità, se Grillo, che sbraita cose alla luce del sole, ha una soluzione, la tiri fuori, altrimenti è perfettamente equiparabile agli zombi che stigmatizza. Purtroopo di economia ci capisce il giusto, impara a memoria testi non composti da lui, cosa possiamo aspettarci? Continuo a preferirgli altre figure politiche, che forse sono vecchie e superate, ma comunque più affidabili.

Marco Malavolta
Marco Malavolta

Io invece preferisco le figure che fanno parte del M5S e non di sicuro le figure cui si riferisce Claudio, proprio perché sono vecchie e superate......e non solo....queste figure sono anche completamente inaffidabili (come dimostrato da 20 anni.,......non 1 o 2, ma ben 20 anni) e molto probabilmente non faranno gli interessi dei cittadini, ma solo i loro propri interessi come hanno sempre fatto.