•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 28 febbraio, 2013

articolo scritto da:

I paesi Scandinavi guardano all’Italia con preoccupazione

paesi scandinavi

Ci hanno seguito anche da lassù. Il Nord Europa ha dedicato ampio spazio alle elezioni politiche italiane. E martedì scorso, i quotidiani proponevano quasi sempre lo stesso concetto: caos. Per dirla col norvegese Dagbladet, le nostre sono state ‘Elezioni thriller’. In molti hanno scritto che lo spettro di un nuovo voto è dietro l’angolo: dal norvegese Aftenposten allo svedese Svenska Dagbladet, dall’islandese Morgunblaðið al danese Berlingske Tidende. Insomma anche la Scandinavia ci guarda e lo fa con preoccupazione. Difficile pensare che tanta attenzione verrà ricambiata nei prossimi tre anni, quando in Nord Europa verranno rinnovati tutti e cinque i parlamenti. Comincia l’Islanda il 27 aprile. Urne aperte in Norvegia il 9 settembre. Nel settembre invece 2014 si vota in Svezia. Nel 2015 tocca a Finlandia e Danimarca.

[ad]Tra un paio di mesi l’Islanda va al voto, dunque. In molti in queste settimane hanno voluto cercare assonanze politiche tra la situazione italiana e quella islandese – nonostante le profondissime differenze culturali, economiche, sociali e geografiche. Qualche parallelismo comunque si può fare. Beppe Grillo, ad esempio, è stato paragonato a Jón Gnarr, attuale sindaco di Reykjavík, che dopo una vita passata a fare spettacolo ha fondato un partito (nome: il Miglior Partito) che ha drenato tutta la rabbia nei confronti dei ‘poteri forti’ e dei partiti tradizionali, ritenuti colpevoli del disastro finanziario in cui è precipitata l’isola negli anni scorsi. A sorpresa, nel 2010 il Miglior Partito ha conquistato la capitale arruolando gente comune e ricorrendo massicciamente ai social network. Ma dobbiamo fermarci qui. Nessun terremoto sta per stravolgere lo scenario islandese. Tra i tanti nuovi partiti spuntati negli ultimi anni, infatti, ce ne è uno solo che potrà dire la sua a fine aprile: si tratta di Futuro Radioso, nato un anno fa e all’interno del quale c’è anche il Miglior Partito. Secondo gli ultimi sondaggi, Futuro Radioso è al 15,3%, due punti e mezzo più dei socialdemocratici attualmente al governo. Altre forze però sono davanti. Nettamente. E a fine aprile dalle urne uscirà quasi certamente una maggioranza conservatrice, riportando almeno in parte la politica islandese su binari di normalità.

paesi scandinavi

I conservatori paiono destinati a vincere anche in Norvegia. I sondaggi lo ripetono da mesi. La partita è tra il blocco di centrodestra e il blocco di centrosinistra che attualmente governa il paese. Eppure in questi giorni lo scontro più duro è andato in scena nel recinto dei conservatori. Il Partito del Progresso ha accusato la Destra di aver elaborato un programma a metà strada tra quanto proposto proprio dal Partito del Progresso e quanto suggerito dai laburisti. Un affondo che si può tradurre così: scegliete da che parte stare. Che succede? Succede che il Partito del Progresso (seconda forza conservatrice del paese) sta provando a sottolineare le differenze, con l’obiettivo neanche tanto nascosto di conquistare quanti più elettori possibile. Una strategia che molti analisti politici avevano previsto con largo anticipo. I prossimi mesi saranno ancor più intensi sotto questo profilo.

(Per continuare cliccate su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento