•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 23 giugno, 2011

articolo scritto da:

Finlandia, finalmente c’è un nuovo governo

finlandia

Due mesi complicatissimi, ma alla fine Katainen è riuscito a trovare il bandolo della matassa: il nuovo governo finlandese sarà composto dal Partito di Coalizione Nazionale, dai Socialdemocratici, dall’Alleanza di Sinistra, dai Verdi, dal Partito Popolare Svedese e dai Cristiano Democratici. Si tratta degli stessi sei partiti che già avevano cercato un accordo di governo, poi saltato. Il secondo tentativo è stato più fortunato, ma di certo ha influito nella testa di tutti gli attori la consapevolezza di dover chiudere al più presto una delle pagine politiche più complicate nella storia finlandese.

[ad]La spartizione dei ministeri è stata fatta seguendo un parametro molto semplice: il peso politico dei partiti al governo. Al Partito di Coalizione Nazionale e ai Socialdemocratici vanno sei ministeri. All’Alleanza di Sinistra, ai Verdi e al Partito Popolare Svedese due a testa. I Cristiano Democratici ne prendono uno solo. Nessuno è rimasto a bocca asciutta, e anche i posti di rilievo sono stati ben spartiti.

Al Partito di Coalizione Nazionale va la carica di primo ministro (lo stesso Katainen), il ministero per gli Affari sociali e la Salute, quello degli Affari economici, quello della Pubblica amministrazione e del Governo Locale, il ministero per il Commercio estero e l’Europa, e il ministero dell’Agricoltura e Foreste. Il dicastero delle Finanze se lo prendono i Socialdemocratici, che terranno anche metà di quello degli Esteri, diviso in due per permettere ad Alexander Stubb (capo della diplomazia uscente) di conservare un incarico di riguardo come ministro degli Affari europei. Ai socialdemocratici vanno anche il ministero dei Servizi sociali, quello dell’Educazione, il ministero del Lavoro e quello della Casa e comunicazioni.

L’Alleanza di Sinistra si aggiudica l’importante dicastero dei Trasporti e quello della Cultura e dello Sport. I Verdi hanno avuto il ministero dell’Ambiente e quello dello Sviluppo. Il dicastero degli Interni va alla Democrazia Cristiana. Al partito Popolare Svedese due dicasteri di peso come quello della Difesa e quello della Giustizia.

finlandia

Quanto allo speaker del Parlamento, il compito di indicare un nome spetta tradizionalmente al secondo partito, in questo caso i socialdemocratici, che hanno scelto Eero Heinäluoma.

La Finlandia può quindi rimettersi in moto. Katainen ha ringraziato il popolo per la grande pazienza dimostrata. Il neo premier arriva a questo accordo dopo due mesi incandescenti. La terza fase dei colloqui è stata condotta a passo di carica, con il fiato sul collo dell’opinione pubblica e dei media.

Concludere un accordo è stato complicato e lo si vede dallo spessore del programma, frutto di una serie di compromessi. L’accordo di governo  prevede che la Finlandia prosegua ad essere un attore protagonista sulla scena europea. Non verranno costruite nuove centrali nucleari. Quanto alle tasse, alcune imposte saliranno (tabacco, bibite) e saliranno anche quelle per i redditi più alti. Il costo dell’energia elettrica alla fine non è stato toccato. Su insistenza dei Cristiano Democratici (che hanno stretti legami con la Chiesa Luterana) il governo prenderà in esame una stretta sulla legislazione dell’aborto.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments