•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 8 maggio, 2013

articolo scritto da:

Assemblea nazionale Pd soluzione Castagnetti

pierluigi castagnetti assemblea pd

Sabato prossimo a Roma si terrà l’assemblea nazionale del Partito Democratico. L’incontro è previsto al Centro Convegni presso la Nuova Fiera di Roma. I lavori avranno inizio alle ore 10,00.

Si tratta dell’incontro in cui per la prima volta si discuterà delle dimissioni dell’intero gruppo dirigente, ad iniziare dall’ormai ex segretario Pierluigi Bersani. C’è molta attesa sulle decisioni dei democratici. Nei giorni scorsi si era parlato della possibilità di individuare un reggente, o un gruppo di reggenti, cui affidare la guida del partito sino al prossimo congresso.

E sono circolati i nomi di Gianni Cuperlo e Guglielmo Epifani. Ma pare che intorno a queste ipotesi non sia maturata una grande coesione all’interno del Partito. Le nomine delle Commissioni hanno chiarito le cose escludendo dalla corsa alcuni dei nomi. Come nel caso di Guglielmo Epifani, nuovo presidente della Commissione Attività Produttive.

Sono giorni frenetici per la politica nazionale. Ma per il Partito Democratico lo sono ancora di più perché di mezzo c’è il futuro del partito. Lo testimonia l’incontro avvenuto a Firenze tra Matteo Renzi ed il ministro uscente Fabrizio Barca. Da ieri circola una nuova ipotesi: Pierluigi Castagnetti. Non si sa se come reggente o futuro segretario. Intanto si sonda il gradimento sul suo nome al’interno del partito.

Nato a Reggio Emilia nel 1945. Prima del Partito Democratico ha militato nella Democrazia Cristiana ed a seguire nel Partito Popolare Italiano. Di quest’ultimo è stato l’ultimo segretario prima di dar vita alla Margherita. Laureato in Scienze politiche, alla fine degli anni sessanta fu per un periodo collaboratore di Don Giuseppe Dossetti, poi fu uno dei collaboratori di Zaccagnini e Martinazzoli.

Capo della segreteria politica di Martinazzoli, lasciò gli incarichi di vertice dopo le Elezioni politiche italiane del 1994 (che videro una sonora sconfitta per il Patto per l’Italia), ma tre mesi dopo fu eletto al Parlamento europeo.

Buon amico di Prodi, nel congresso del 1997 fu battuto da Franco Marini nella corsa alla segreteria. Nel 1999 però la scalata alla segreteria riuscì: Castagnetti fu il nuovo leader del PPI, battendo nettamente Dario Franceschini e Ortensio Zecchino. Sotto la sua guida il PPI arrivò alla conclusione dell’alleanza della Margherita, con UDEUR, I Democratici e Rinnovamento Italiano, che raggruppò l’area centrista dell’ alleanza di centrosinistra.

Un altro nome circolato, come possibile segretario, in queste ore è quello dell’europarlamentare Gianni Pittella. Medico, primo vice presidente del Parlamento europeo. In una nota ha auspicato la convocazione del congresso “il prima possibile, a luglio o a settembre e deve essere aperto a tutti i cittadini”.

L’ex segretario Bersani, durante la riunione di coordinamento del partito, ha chiesto che all’assemblea di sabato venga stabilita la data del congresso. “Bisogna arrivare a un vero congresso, con una discussione vera. Non possiamo sprecare questa occasione” ha poi aggiunto.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

4 comments
Luana Giunti Mitidieri
Luana Giunti Mitidieri

L' unica persona che potrà dare di nuovo lustro al PD è solo l'eurodeputato Gianni Pittella persona di alta caratura morale e spiccate capacità, non dimentichiamo che porta in dote l' Europa, x favore sosteniamolo tutti.

Roberto Benfatto
Roberto Benfatto

veramente in questi anni c'è stata una linea anti pd la definirei ancorata a una vecchia sinistra quella di bersani

Francesco
Francesco

Credo che definire Castagnetti come un ex di qualcosa sia sbagliato. L'innovazione ideale che uomini come lui hanno portato in dote al centrosinistra non ha paragoni. Lui come pochi non ha mai giocato con le etichette delle precedenti appartenenze, pur vantandone una di un certo significato. Sempre a sinistra ma con garbo e sobrietà. Democratico e cristiano, perché, va detto, il Pd senza i cattolici non avrebbe futuro. Castagnetti è poi uno degli ultimi eredi del dossettismo, dottrina politica avversaria del berlusconismo ma fortemente incarnata su una tradizione che ha resto la Dc emiliana, una delle migliori esperienze che hanno dato seguito all'Ulivo e al centrosinistra di Prodi. E' proprio dietro Castagnetti potrebbe esserci il Professore. Speriamo.

franco
franco

un'altro democristiano?ma nel pd comandano solo i democristiani? quelli di sinistra sono tutti morti o rimbecilliti? continuate cosi e alle prossime elezione prenderete i voti della margherita,forse.