•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 8 giugno, 2013

articolo scritto da:

Elezioni Amministrative al voto per il turno di ballottaggio, Crolla l’affluenza rispetto al primo turno -8%

turno di ballottaggi elezioni amministrative

Elezioni amministrative duemilatredici: si è chiusa a mezzanotte la campagna elettorale per il turno di ballottaggio in 11 capoluoghi di provincia ( Roma Ancona, Avellino, Barletta, Brescia, Iglesias, Imperia, Lodi, Siena, Treviso e Viterbo) e per l’elezione dei primi cittadini di alcune importanti città siciliane (Catania, Messina, Ragusa e Siracusa). Drastico calo dell’affluenza rispetto al primo turno. Alle 22 ha votato solo il 33,87% degli aventi diritto. In calo di 8 punti percentuali rispetto al primo turno (42,38%).

[ad]Sei milioni gli elettori chiamati a scegliere, 209 i comuni da rinnovare. Ora è il momento del silenzio e della riflessione in vista dell’apertura delle urne che scatterà domani mattina alle 8 ( si può votare anche lunedì dalle 7 alle 15 ).

La sfida principale,  su cui sono puntati i riflettori della politica nazionale, è ovviamente quella per la conquista di Roma Capitale.

Ieri i due contendenti hanno concluso una campagna elettorale dura, senza esclusione di colpi. Il candidato del centrosinistra Ignazio Marino ha lanciato l’ultimo affondo sul palco di Piazza Farnese dove c’erano a dargli manforte il neo presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, la governatrice del Friuli-Venezia Giulia Deborah Serracchiani e i primi cittadini di Milano e Cagliari, Pisapia e Zedda.

Il cardiochirurgo Marino ha attaccato a testa bassa l’avversario-sindaco uscente Alemanno, chiedendo il voto dei romani per “liberare la città dalla palude, dalla peggiore amministrazione di sempre”. Non è mancata, poi, una stoccata sull’ultima infornata di assunzioni in alcune municipalizzate (le ultime quelle di alcuni consulenti alla Roma Metropolitane). I vertici locali del Pd hanno puntato il dito contro il  ritorno della “solita pratica delle politiche clientelari che dispensa favori e incarichi dell’ultima ora”.

Chiusura con road-tour a bordo della sua moto per Alemanno che ha girato diversi quartieri della città e ha tenuto il comizio finale in una piazza dell’Eur. Il candidato del centrodestra, nonostante i 12 punti di svantaggio e gli otre 120 mila voti da recuperare, sembra crederci ancora, sperando in un bis del mezzo miracolo compiuto 5 anni fa quando batté Rutelli colmando un gap di 80 mila voti scontato al primo turno.

Adesso, però, l’impresa è ancora più ardua. Per compierla Alemanno punta tutto sull’alleggerimento delle tasse sui romani (“Taglierò Imu e Irpef “ ha annunciato ieri) e sulla mobilitazione di una parte almeno di quel 48% di romani che hanno disertato le urne due settimane fa.

Decisiva la caccia ai voti dei candidati sconfitti al primo turno il civico Marchini e il grillino De Vito che hanno deciso di non siglare nessun apparentamento ufficiale anche se alcune loro dichiarazioni hanno lasciato intendere una maggiore vicinanza all’esponente democratico. Non solo Roma, però, in questa due giorni elettorale.

roma elezioni ballottaggio marino alemanno

roma ballottaggio tra marino e alemanno

Sfide all’ultimo voto e dall’indubbio riflesso politico saranno quelle per la conquista di Brescia e Treviso, decisive per il risultato complessivo della tornata di amministrative nel nord del paese.

Brescia: equilibratissima la partita nella seconda città lombarda, dove i due contendenti (l’uscente Paroli per il centrodestra e lo sfidante Del Bono per il centro sinistra) partono dal pareggio del primo turno.

Treviso: rischia, invece, di perdere una tradizionale roccaforte la Lega. Nel centro del nord-est lo “sceriffo” Gentilini parte da uno scomodo svantaggio di 8 punti rispetto al candidato Manildo del Pd che sente profumo di risultato storico in un territorio in cui ancora recentemente si erano registrati i picchi massimi di consenso per il Carroccio.

Curiosità per sapere come finirà la corsa per la poltrona di primo cittadino di Siena, scossa dallo scandalo Montepaschi, in cui per la prima volta la sinistra non passa al primo turno.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
ALBERTO CLEMENTELLI
ALBERTO CLEMENTELLI

dai dati ufficiali dell' affluenza alle ore 22 nel comune di Roma si evince che: 1° sui 7 migliori municipi per il centro sinistra il dato dell' affluenza in % 2° turno sul 1° turno è l' 86,5% contro l' 85,7% dato medio di Roma ossia i dati dei municipi di centro sinistra sono migliori di 0,8% sul dato medio 2° sui 7 peggiori municipi per il centro sinsitra il dato dell' affluenza in % 2° turno sul 1° turno è l' 84,5% contro l' 85,7% dato medio di Roma ossia i dati dei municipi di destra sono peggiori di 1,2% in meno rispetto al dato medio 3° considerando gli scarti reali in termini di voti tra Alemanno e Marino e le percentuali di affluenza reali alle ore 22 e ricalcolando lo scarto ponderato questo migliora del 1% passando all' 86,7% contro l' 85,7% dato medio in virtù della differenza di voto tra i municipi di destra e di sinistra. in termini semplici Marino sta messo molto bene alberto Clementelli