•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 16 agosto, 2013

articolo scritto da:

Berlusconi “agibile” con i servizi sociali?

In questi giorni, in cui sull’eventualità della grazia a Silvio Berlusconi stanno intervenendo da ogni parte politica, è passata quasi sotto silenzio la via potenzialmente più indolore per consentire la cd. “agibilità politica” del leader del centrodestra.

L’aveva indicata già martedì mattina (dunque prima della nota di Napolitano), sul Sole 24 Ore la giornalista Donatella Stasio.

Quale sarebbe questa via, di cui finora quasi nessuno ha fatto parola? “Berlusconi dovrebbe chiedere l’affidamento in prova al servizio sociale che, in caso di esito positivo, «estingue la pena detentiva e ogni altro effetto penale»“.

Donatella Stasio

Vale la pena di soffermarsi almeno un po’ sulla questione: l’affidamento in prova non è previsto direttamente dal codice di procedura penale, ma dalla legge sull’ordinamento penitenziario (l. n. 354/1975), precisamente dall’articolo 47. Si tratta, come è noto, di una delle misure alternative alla detenzione in carcere, che prevede “l’assegnazione a un’associazione di volontariato o a un lavoro socialmente utile – ricorda Stasio – che ne favorisca la «revisione critica»”.

Ora, l’entourage di Berlusconi fino a pochi giorni fa aveva categoricamente escluso la possibilità che l’ex presidente scegliesse la via dell’affidamento ai servizi sociali, un po’ per una questione di immagine, un po’ perché per qualcuno sarebbe stata una sorta di accettazione della condanna. A conti fatti, invece, a Berlusconi potrebbe convenire e non poco.

“Se al termine del periodo di affidamento (dopo un anno, che con lo sconto di 45 giorni per semestre scenderebbe a 10 mesi e 15 giorni) il Tribunale di sorveglianza ritenesse positivo l’esito della prova – segnala la giornalista – cadrebbe l’effetto penale della decadenza da senatore nonché quello della successiva incandidabilità per sei anni”.

berlusconi processi factcheching

La stessa Stasio ricorda come Berlusconi abbia tempo per chiedere la detenzione domiciliare o l’affidamento in prova fino al 15 ottobre: il Cavaliere è stato condannato a quattro anni di carcere, ma dal momento che l’indulto gliene ha già condonati tre, può optare per l’affidamento visto che il limite di condanna da scontare è appunto di tre anni.

(Per proseguire la lettura cliccate su “2”)

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento