•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 13 settembre, 2013

articolo scritto da:

Amato, i volti di un participio (non) passato

giuliano amato su pensioni

A giudicarlo secondo i crismi della grammatica, si dovrebbe chiamare in causa il participio passato del verbo “amare”. Eppure – ci si perdoni il gioco di parole – non si può certo dire che Giuliano Amato sia particolarmente “amato” da un consistente spettro di forze politiche attualmente in Parlamento.

Tra i primi ad aprire il fuoco dopo la nomina a giudice costituzionale di Amato, leghisti come l’eurodeputato Matteo Salvini (“Napolitano ha proprio rotto le palle – ha dichiarato oggi – ormai ha centoventi anni e dopo la nomina dei 4 senatori a vita ci mancava la vicenda di Giuliano Amato alla Corte Costituzionale. Queste nomine sono un insulto alle persone che non hanno un lavoro e che sono in difficoltà”).

Altre carinerie arrivano soprattutto dal MoVimento 5 Stelle: come la Lega, se la prende con il Capo dello Stato ancor più che con il nuovo giudice costituzionale. “Amato, il peggio della politica, l’incarnazione del male assoluto, l’uomo di fiducia dei poteri forti e della casta, collezionista di poltrone, soldi e incarichi” scrive oggi su Facebook il deputato abruzzese Gianluca Vacca, che paragona Napolitano a Vittorio Emanuele III, perché avrebbe di fatto consegnato l’italia a Berlusconi, come il re a Mussolini.

napolitano giuliano amato

Certo, c’è anche chi difende Amato, senza lesinare violenza verbale: il primato va a Giuliano Cazzola, ora in Scelta civica ma con un lungo passato nell’area socialista della Cgil. “Come si permette di insultare Amato un branco di cialtroni – dice in attacco al M5S – ignoranti di storia patria, indeboliti dalle masturbazioni via web e divenuti parlamentari per una beffa del destino? Sanno chi è e che cosa ha fatto Amato, peraltro pensionato d’oro né più né meno del loro beniamino Stefano Rodotà? Il nuovo giudice costituzionale è prima di tutto un insigne giurista, un costituzionalista sui cui libri si sono misurati decine di migliaia di studenti”.

Certamente Cazzola, a modo suo, ha centrato il nucleo del problema o, almeno, una sua parte. Da una parte c’è la competenza indiscussa e indiscutibile di Amato sul piano giuridico: ha insegnato e insegna tuttora Diritto costituzionale comparato, scrivendo vari volumi (assieme, tra l’altro, ad Augusto Barbera, docente e parlamentare in quota Pci). La vicepresidenza della Convenzione europea (per ripensare l’architettura istituzionale Ue) e altri incarichi sono legati alla stessa competenza.

Tutto questo, peraltro, non cancella altri volti di Amato. Dal prelievo forzoso dai conti correnti del 1992 alla svalutazione della lira, prima ancora la sua lunga presenza nei governi Craxi, Goria e De Mita, non sono pochi a sottolineare una certa contiguità a quella classe politica responsabile di un dissesto economico e finanziario del Paese.

(Per continuare a leggere clicca su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments