•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 19 settembre, 2013

articolo scritto da:

Berlusconi, il video attacca ma non graffia

Messaggio Berlusconi

Alla fine i 16 minuti più attesi delle ultime settimane sono arrivati. Annunciati, promessi, ritirati, limati, embargati e poi finalmente trasmessi. Il videomessaggio di Silvio Berlusconi per qualcuno viene direttamente dal 1994, come se fosse in diretta con il primo, storico filmato, quello del lancio di Forza Italia. C’è chi, solo per questo, parla di ottima notizia e sente come allora profumo di vittoria. Per altri, è solo segno che Berlusconi è rimasto indietro di quasi vent’anni.

In effetti, qualcosa è rimasto in entrambi i messaggi, a partire dalla cura con cui è stata allestita la “scenografia” del discorso (con i libri, le foto incorniciate rigorosamente rivolte verso lo spettatore e non verso chi sta alla scrivania e il doppiopetto con le ritrovate camicia e cravatta). Eppure qualcosa è cambiato e – in fondo – non sono proprio dettagli.

E’ vero, Berlusconi non era al governo nel 1994 e non lo è (formalmente) ora. Ma al suo debutto cercava di conquistare per la prima volta Palazzo Chigi (riuscendoci, al primo colpo), stavolta cerca di non precludersi la possibilità che il suo partito “destato dal sonno” (ovviamente con riferimento a Fi) torni a guidare l’esecutivo, avendo sempre lui come riferimento.

diretta-videomessaggio-di-berlusconi-forza-italia

Per la prima volta il Cavaliere ammette pubblicamente che la decadenza e la distanza da cariche istituzionali può fare parte del suo destino (“Io sarò sempre con voi, al vostro fianco, decaduto o no. Si può far politica anche senza essere in Parlamento”). L’eventualità gli pesa, non lo dice espressamente ma lo si comprende bene dalla sua stessa giustificazione: “Non è il seggio che fa un leader, ma è il consenso popolare, il vostro consenso”.

Proprio il nuovo consenso a Forza Italia sarebbe per Berlusconi un balsamo e un rammarico, per non poterne più godere direttamente e – non lo si trascuri – per non averne goduto a sufficienza prima: se nella parte finale del messaggio lui si limita a richiamare la fidelizzazione degli elettori e a invitare all’unità, all’inizio risfodera un tasto dolente, un rimprovero a chi non gli ha dato abbastanza. “Devo ricordare che gli elettori purtroppo non ci hanno mai consegnato una maggioranza vera”. Il “devo” suona come un buffetto (nemmeno affettuosissimo) a chi, col proprio voto, è in parte responsabile dei risultati non ottenuti dai governi a guida Berlusconi.

Tutto questo nel 1994 non c’era, non poteva esserci. Come non poteva esistere il riferimento alla compagine ministeriale su cui ora invece il Pdl può contare, per “imboccare la strada maestra del liberalismo”, come in fondo si proponeva vent’anni fa già nella fase di costruzione del movimento politico – ammesso e non concesso, ovviamente, che Berlusconi abbia davvero compreso il significato del  “liber(al)ismo”.

(Per continuare a leggere cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments