•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 23 novembre, 2013

articolo scritto da:

Analisi linguistica discorso di Berlusconi: Rifondazione Populista?*

Berlusconi

Analisi linguistica discorso di Berlusconi Rifondazione Populista?*

Fiumi d’inchiostro sono stati scritti sul discorso pronunciato da Silvio Berlusconi lo scorso 15 novembre, in occasione del Consiglio Nazionale del Popolo della Libertà. Con questa articolata orazione, durata più di un’ora e mezza, il presidente del PdL ha ratificato la propria uscita dal partito (da lui definita “dipartita”) e la conseguente rinascita di Forza Italia. Gli ex compagni d’avventura hanno vissuto questo momento con grande partecipazione e interpretato il nuovo progetto di Berlusconi nei modi più vari: chi ci ha visto una rampa di  lancio per l’Italia, chi una pericolosa deriva estremista, chi addirittura l’avvento della Terza Repubblica.

Per gettare un po’ di luce sulle intenzioni del Cavaliere e provare a separare verità e opinione, diamo un’occhiata sotto il cofano della macchina della comunicazione berlusconiana, con un’analisi linguistica del lungo documento giunto fino a noi grazie all’eroica trascrizione di Gabriele Maestri.

Calcolando l’indice di leggibilità Gulpease si ottiene un punteggio abbastanza basso: 49,3, con una media di 3,6 frasi ogni 100 parole. Significa che, per comprendere il documento facilmente, bisogna avere almeno 16 anni e che per un fruitore in possesso della sola licenza elementare il discorso di Berlusconi si trova all’interno della soglia di frustrazione. Si sgretola dunque la leggenda dell’oratore capace di farsi capire da tutti: punteggi al di sotto del 50 in comunicazioni pubbliche sono da considerarsi non soddisfacenti; per avere un termine di paragone, si può prendere in considerazione la mozione Cuperlo presentata al Congresso del Partito democratico, che totalizza un Gulpease di 53 (comprensibile a 15 anni), senza andare a scomodare la Renzi che arriva addirittura a 60 (13 anni per capire facilmente).

Analisi linguistica discorso di Berlusconi

www.italianlp.it

Entrando nel dettaglio, scopriamo che la leggibilità è molto alta nei passaggi sulle tasse da abbassare o eliminare, negli aneddoti privati su Cina e Albania, nel lungo excursus che ribadisce il collaudato discorso sul pericolo comunista e nei brani relativi alla persecuzione giudiziaria di Magistratura Democratica.

La sintassi berlusconiana si fa invece inestricabile quando spiega il motivo per il quale il tentativo di conciliazione con le colombe sia fallito, nella riflessione sul perché nel computo del PIL davanti all’Europa andrebbe incluso il sommerso, nel passaggio sulla concreta minaccia di un’alleanza tra PD e MoVimento5stelle e nell’illustrazione di quali compiti svolgeranno i nuovi iscritti ai club “Forza Silvio”.

Analisi linguistica discorso di Berlusconi

www.italianlp.it

Emerge prepotentemente, dunque, anche dall’analisi morfosintattica, la voglia di rimettere la propria persona al centro del discorso politico e di riavere un partito che torni a ruotare interamente intorno alle capacità, esperienze, possibilità e forse anche necessità del leader.

La sorpresa più grande arriva però dall’estrazione terminologica: esaminando il rapporto tra occorrenze e ranghi delle parole scelte, scopriamo che il sintagma di maggiore rilevanza all’interno di tutto il discorso non è né “magistratura democratica”, come era lecito aspettarsi, né “riforma della giustizia”: queste formulazioni compaiono rispettivamente al terzo e quarto posto; al secondo posto compare prevedibilmente “Popolo della libertà” mentre al primo troviamo “debito pubblico”. Comprendere l’importanza di quello che è apparentemente un dettaglio diventa più semplice se guardiamo alle estrazioni terminologiche dei discorsi del 26 gennaio 1994 (la “discesa in campo”) e del 13 maggio 2008 (l’insediamento del Governo Berlusconi IV): lì le parole chiave erano rispettivamente “polo di libertà” e “azione di governo”, espressioni che si sono rivelate interpretanti di tutta l’azione politica che le ha seguite.

Analisi linguistica discorso di Berlusconi

www.italianlp.it

Il grande rilievo, nell’ultimo discorso berlusconiano, del sintagma “debito pubblico” potrebbe dunque gettare una luce nuova sulle ragioni profonde di questa scissione: è lecito pensare che Forza Italia voglia condurre la prossima campagna elettorale su posizioni fortemente antieuropeiste (ai record 6, 7 e 12 dell’estrazione terminologica, quindi comunque in alto, compaiono anche i sintagmi “debito pubblico elevato”,  “titolo di debito pubblico” e “politica di austerità”) che potrebbero favorire, oltre che la prevedibile alleanza con la Lega, un’inedita convergenza con l’anima populista del MoVimento di Beppe Grillo.

* Le analisi linguistiche all’interno di questo articolo sono state realizzate con il software READ-IT, sviluppato da Italia NLP Lab – www.italianlp.it, Istituto di Linguistica Computazionale “A. Zampolli” (ILC) – www.ilc.cnr.it, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), area di Pisa.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

14 comments
GiovanniGianMarconi
GiovanniGianMarconi

Ma la lista dei termini più usati è piena di voci sgrammaticate: preposizioni errate, concordanze sbaglaite, ecc...
Perché?

Giovanni Gian Marconi
Giovanni Gian Marconi

Renzi è ben comprensibile anche ai ragazzi di 15 anni perché ha all'incirca la loro matuirità e preparazione, quindi usa lo stesso linguaggio.

Termometro Politico
Termometro Politico

Berlusconi fa notizia. Moltissimi ancora vogliono leggere notizie su di lui, ed essendo ancora uno dei protagonisti della scena politica noi ne parliamo. Non c'è alcuna denigrazione, noi riportiamo solo notizie ed analisi. I sondaggi sono fatti da altri istituti quindi se non ti piacciono i risultati dei sondaggi prenditela con loro.

Enrico Ratti
Enrico Ratti

Ma Berlusconi evidentemente non voleva farsi capire da tutti.

Nino Palomba
Nino Palomba

Carissimo... Giovanni....non ho di fatto accusato il tuo articolo..ma ogni volta che leggo... su TP. Leggo continue analisi ma sulla persona... Berlusconi è ..sicuramente argomento interessante ma francamente basta...non volevo offendere i tuoi ideali che rispetto.....ne offendere le tue analisi...come dice Letta Berlusconi non fa più paura allora non parliamone più. Mi ripeto non era rivolto al tuo articolo...ma a TP. Non ad un solo articolo.. Sono un elettore probabilmente più a destra ma condivido spesso le opinioni di uomini di sinistra. Sono io che ringrazio te. Buona serata

Giovanni Delle Nuvole Laccetti
Giovanni Delle Nuvole Laccetti

Caro Nino, mi chiamo Giovanni e sono l'autore dell'articolo che non hai gradito. Scrivo in questo caso a a titolo personale, e non per TP, perché vorrei capire cosa ti abbia dato fastidio nella mia analisi, per migliorare con il tuo aiuto il mio approccio in futuro. Sono un uomo di sinistra e mi capita di essere fazioso nei ragionamenti, molto fazioso nelle vignette che disegno, ma mai nel mio lavoro di autore televisivo o nelle mie analisi linguistiche, che cerco di portare avanti con il massimo rigore scientifico, nemico acerrimo di ogni fede e appartenenza. Mi pare di capire che tu sia un elettore del centrodestra che si è sentito offeso dal mio ultimo lavoro - oppure, meglio, un cittadino che ritiene che il mio ultimo lavoro non abbia reso giustizia al discorso di Berlusconi. E' così? Se ho ben capito, mi piacerebbe conoscere quali passaggi dell'analisi giudichi faziosi, e perché, sempre che tu abbia la voglia e il tempo di confrontarti. Ti ringrazio in anticipo per le tue osservazioni.

Nino Palomba
Nino Palomba

Solitamente... Sono molto educato... Non entro nel merito delle vs. Analisi... Ma ultimamente...sempre con espressioni faziose parlate del solito... Il termometro si alza.., si abbassa.. E da..una attenta analisi di chi lo porta per 5 minuti... Ma francamente anche Voi avete ancora paura del Sig. Berlusconi...indirizzò politico o analisi di quel che succede? Ma!!!!!!

Luciano Puccini
Luciano Puccini

per pudore evito di suggerire dove dovreste mettere il termometro

Termometro Politico
Termometro Politico

Abbiamo fatto queste analisi anche per Renzi, Cuperlo, Civati ecc. Seguiamo tutti i protagonisti della politica italiana.

Nino Palomba
Nino Palomba

Non capisco...termometro politico e' innamorato di Berlusconi? E basta!!! Altri argomenti?????

GiovanniLaccetti
GiovanniLaccetti

L'estrazione terminologica è uno strumento tecnico a disposizione del linguista: non restituisce locuzioni di parole, ma catene di lessemi.