•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 26 novembre, 2011

articolo scritto da:

Primarie Repubblicani: Gingrich passa in testa nei sondaggi

Gingrich

Gingrich          23,2
Romney          21,0
Cain                  18,2
Perry                 7,7
Paul                    7,5
Bachman          4,8
Huntsmann     2,2
Santorum         2,0

Questi sono i risultati del metasondaggio (ovvero la media dei sondaggi usciti l’ultima settimana) sulle Primarie dei Repubblicani Statunitensi pubblicato sul sito RealClearPolitics.
[ad]Il primo evidente dato di questo sondaggio è che un candidato che fino a poche settimane fa sembrava assolutamente marginale come Newt Gingrich è passato adesso in testa, a discapito di Hermann Cain, che dopo le accuse di molestie sessuali mosse nei suoi confronti ha avuto una flessione di qualche punto nei consensi, e sorpassando anche Mitt Romney, che da tempo si assesta con una certa stabilità tra il 20% ed il 25% dei consensi. Questo ci mostra un fatto abbastanza insolito per queste primarie, i cui sondaggi finora sono stati caratterizzati da un andamento abbastanza costante per Romney e decisamente altalenante per gli altri, tanto che fin ora sono stati addirittura in quattro i candidati ad avere la prima posizione nei sondaggi. Per questo motivo abbiamo ragione di pensare che le Primarie in questione saranno decisamente avvincenti e potrebbero riservare numerose sorprese.

Gingrich
Ma andiamo al punto: Newt Gingrich, come detto, è stato considerato una candidatura del tutto marginale fino a poco fa. Tuttavia, il crollo di Michelle Bachmann prima e Rick Perry poi avevano lasciato un certo spazio che Romney, come detto sempre considerato o in testa o poco sotto, non riusciva mai a cannibalizzare. Qualche settimana fa è avvenuto l’exploit di Hermann Cain, smorzato prima dalle accuse di molestie sessuali a lui rivolte, che lo hano screditato in primis nell’elettorato femminile, ed il suo consenso ha quindi iniziato a scendere, ed allora è arrivato, di punto in bianco, il momento di Newt Gingrich. Questo suo improvviso consenso è stato causato intanto dalle sue buone performances negli ultimi dibattiti televisivi dei Repubblicani, ma anche dal fatto che si tratti di un candidato dai modi e le idee meno estremiste degli altri rivali di Romney, oltre anche a risultare probabilmente più rassicurante di loro, avendo una storia politica più lunga e prestigiosa (è stato, tra le altre cose, Speaker del Congresso degli Stati Uniti).
A questo punto la domanda è se Gingrich riuscirà a mantenere questa sua posizione di testa nei sondaggi o, come altri candidati, si tratterà solamente di una nuova “bolla politica”.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

3 Commenti

  1. Carlo Gentile ha scritto:

    Meglio mezzo Obama di tutti questi messi insieme.

  2. Dario Cafiero ha scritto:

    A ‘Crisi mondiale 2008-2011’, a ‘Debito pubblico americano ai massimi storici’ e a ‘Via le truppe dall’Iraq e dall’Afghanistan…prrr!’ piace l’elemento di Carlo Gentile.

  3. Matteo Vannacci ha scritto:

    A George W. Bush piace “Crisi mondiale 2008-2011” e altri due elementi. Indovinate quali

Lascia un commento