•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Draghi avvisa i governi dell’Eurozona: “Riducete il deficit”

Draghi avvisa i governi dell’Eurozona: “Riducete il deficit”

Niente sorprese dalla Bce nella conferenza stampa di oggi: i tassi rimangono allo 0,25%. Ma il presidente Mario Draghi ha approfittato della tradizionale riunione in sala stampa per lanciare un messaggio ai paesi dell’Eurozona: “I governi non devono fermare gli sforzi in corso per ridurre i deficit e sostenere gli aggiustamenti fiscali”, ha detto il numero uno dell’istituto di Francoforte. Ha poi aggiunto: “I governi devono fare le riforme, perché la crescita bassa dipende da riforme non fatte”, con riferimento ai paesi dell’Europa meridionale.

Draghi ha anche letto le stime – non proprio confortanti – sull’economia dei paesi d’area euro, riviste al rialzo dal board Bce. Alla fine del 2013 il Pil si arresterà allo 0,4%, mentre nel 2014 s’intravede una crescita all’1,1% e dell’1,5% nel 2015. Le previsioni sull’inflazione sono invece stabili: 1,4% per il 2013, 1,1% nel 2014 e 1,3% per il 2015.

Mario Draghi, presidente Bce

Mario Draghi, presidente Bce

La tanto annunciata ripresa economica rimane dunque “lenta e debole”. Per questo motivo l’Eurotower ha confermato di voler mantenere anche nel prossimo anno una politica monetaria “accomodante” e che non ci saranno significative variazioni dei tassi sul costo del denaro. “Le misure di consolidamento devono però essere orientate alla crescita e avere una prospettiva di medio termine – ha fatto sapere l’ex presidente della Banca d’Italia – in modo da migliorare i servizi pubblici e al tempo stesso di minimizzare gli effetti distorsivi della tassazione”.

Il 2013 della Bce termina quindi senza alcuna retromarcia sulle politiche d’austerità. Lotta all’inflazione, crescita economica e riduzione del deficit rimangono le priorità anche nel prossimo anno.

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

5 Commenti

  1. Andrea Patrone ha scritto:

    E noi avvisiamo voi…….diminuitevi gli stipendi e i benefit, siete peggio dei ladri d’ appartamento!!!!!

  2. Fabio Maggiorelli ha scritto:

    grazie al bip!!!!!!

  3. Mario Bianco ha scritto:

    Ma vaffangulo !

  4. Pasquale Avitto ha scritto:

    un altro maiale da…….

  5. Lamberto Giusti ha scritto:

    Lo poteva dire pure il mago Otelma…

Lascia un commento