•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 14 dicembre, 2013

articolo scritto da:

Mauro lancia i Popolari per l’Italia e bacchetta Grillo

mauro tensione tra scelta civica

Parla di legge elettorale, di “forconi” e di Grillo, nonché di rinnovamento della politica Mario Mauro. Più che da ministro della Difesa, lo fa da riferimento possibile di una nuova forza politica, all’Assemblea popolare per l’Italia, presentazione del soggetto politico che comprende coloro che hanno deciso di lasciare Scelta civica, formando gruppi autonomi in Parlamento, con l’etichetta di Popolari per l’Italia.

Parte dalla tensione che si sta vivendo in questi giorni Mauro, tra proteste targate “Forconi” e altre occasioni di scontro. “Dalla rabbia dei ‘forconi’ esce la rabbia di tutti – ha detto – quindi su questo ci vuole serietà di analisi perché ci sono in piazza persone che hanno idee contrapposte e questo ci deve far comprendere la profondità di questa crisi economica che non deve bruciare tutto dietro la miseria della ricerca di una nuova leadership”.

popolari per l'italia mauro

Il ministro non ha gradito però l’atteggiamento di chi, in sostanza, ha invitato le forze dell’ordine a non difendere le istituzioni e i politici: “Chi ha agito così ha fatto un attentato alla vita democratica del nostro Paese“. Non ha nominato Beppe Grillo, ma il riferimento è stato piuttosto chiaro. “Il grado di forza e di libertà delle nostre forze dell’ordine e delle nostre forze armate – ha precisato – tiene al sicuro la Repubblica e mantiene certa la nostra convivenza civile”.

A chi gli ha chiesto se la politica risulti rinnovata grazie a segretari “giovani” come Matteo Renzi, Matteo Salvini e Angelino Alfano, Mauro ha risposto senza dubbi: “Sono sconvolto all’idea che si pensi di rilanciare la politica italiana con questo o quel nuovo leaderse ne parlava già 20 anni fa e già allora non si è risolto il nodo effettivo di garantire maggiore prosperità alle nostre famiglie, più competitività alle nostre imprese e una maggiore reputazione al Paese». L’importante non è l’età, ma “se qualcuno ha delle carte nuove per giocare la partita che ci può dare la vittoria”.

L’ultimo pensiero è per la legge elettorale, dopo la decisione (ancora da conoscere nei dettagli) della Corte costituzionale: “Non possiamo fare orecchie da mercante e dobbiamo ascoltare la Corte – ha detto – dobbiamo rimettere ogni cittadino in grado di scegliere le persone che vuole votare. Credo sia giusto tornare alle preferenze: non vedo strumento più adeguato per potere individuare chi si merita la fiducia dei cittadini”.

Gabriele Maestri

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

8 Commenti

  1. Valentina Villotti ha scritto:

    …puoi sempre bombardarci con i tuoi F35….ma pensa te questo pezzo di merda….

  2. Giancarlo De Luca ha scritto:

    andrebbe preso a calci in culo per 72 ore consecutivamente con 2 paeure ogni 24 per farlo andare a pisciare

  3. Settimio Sette Gorgoroni ha scritto:

    DICO !!!!!!!!!! non e’ ora di mettere un limite a queste nascite di partiti o movimenti ????????????????????????? E’ UNO SCHIFO.. suggerisco al governo di fare raccogliere minimo 300.000 firme autentificate prima di presentare simboli vari in qualsiasi scheda elettorale.

  4. George Ross ha scritto:

    Perche’ non fate la legge elettorale con il doppio turno come per i sindaci!! E le elezioni all’ Americana per eleggere il Presidente della Repubblica ? Se fate questo e’ il popolo che elegge i rappresentanti delle istituzioni!!!!

  5. Mimmo Ristori ha scritto:

    Ci mettono sempre di mezzo l’Italia, ma il loro interesse solo personale!

  6. Gianni Gavin ha scritto:

    Sono a fine corsa, dovevate volere bene all’Italia da decenni e non sparare cazzate, proprio lei che era con Berlusconi e poi con monti, ora va con casini, ma a chi la vuole darla a bere.

  7. Roberto Giardina ha scritto:

    Mauro? Mauro di chi?

  8. Vito Martinelli ha scritto:

    Ma uno normale di mente come fa in primo luogo a stare con Monti e poi presentarsi e dire che lavora per l’Italia. Io questo lo aggiungerei alla lista degli scavatori di TAV

Lascia un commento