•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 16 gennaio, 2014

articolo scritto da:

Spese pazze in Piemonte, Cota ed altri 39 rinviati a giudizio

Spese pazze in Piemonte, Cota ed altri 39 rinviati a giudizio

Spese pazze in Piemonte, Cota ed altri 39 rinviati a giudizio

Dopo la Sicilia tocca alla regione Piemonte: al centro di indagini per peculato. Sono ben 39 i consiglieri rinviati a giudizio, a cui si aggiunge il Presidente della Giunta Regionale Roberto Cota, per avere utilizzato i fondi destinati ai gruppi partitici all’acquisto di mutande (verdi, quelle che piacciono a Cota), foulard, cene e tanto altro. Ai quaranta se ne aggiungono anche altri due: Sara Lupi, figlia del leader dei Verdi Verdi Maurizio Lupi, e Gabriele Moretti, consigliere comunale che avrebbe agito assieme a Michele dell’Utri della lista dei Moderati.

Al governatore leghista, la cui carica di Presidente è stata inficiata pochi giorni fa da una sentenza del Tar piemontese a causa delle firme false ad una delle liste a lui collegate alle elezioni del 2010, sarebbero contestati 27.000 euro di rimborsi illeciti.

I pm Enrica Gabetta, Giancarlo Avenati Bassi e l’aggiunto Andrea Beconi, sembra abbiano già deciso per l’archiviazione di quattordici consiglieri, di Mercedes Bresso (ex Presidente della Regione accusata di finanziamento illecito al partito) e Michela Cerutti (accusata di finanziamento illecito al partito e di peculato). Tra i possibili consiglieri di centro destra, le cui accuse verranno archiviate, vi sono solo Fabrizio Comba, Giampiero Leo e Gian Luca Vignale.

Spese pazze in Piemonte, Cota ed altri 39 rinviati a giudizio

Mercedes Bresso non attende e commenta subito le vicissitudini: “sono contenta di essere riuscita a chiarire la mia posizione”. Continua: “nel secondo interrogatorio con i pm ho chiarito nei minimi particolari il mio operato, dimostrando la correttezza del mio comportamento. Stiamo vivendo la pagina più brutta per l’istituzione regionale,  una Regione umiliata da un presidente eletto illecitamente e ora rinviato a giudizio per spese personali a carico della collettività”. Attacca poi il suo successore alla guida della giunta regionale, domandandosi “cos’altro deve succedere per costringere Cota a staccarsi dalla sua poltrona”. Adesso la palla passa al giudice, Roberto Ruscello: probabilmente l’udienza preliminare sarà fissata da qui ad una settimana. Per Cota ed i suoi il processo comincerà, quasi certamente, a marzo.

 

Daniele Errera

sondaggio legge elettorale

sondaggio legge elettorale

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

10 Commenti

  1. Stefano Vitali ha scritto:

    LOL

  2. Gustavo de Mari ha scritto:

    e mò…girerà senza mutande???????????………….

  3. Giuseppe Perdichizzi ha scritto:

    Per una volta i Siciliani vincono sui Piemontesi. Noi ne abbiamo un centinaio……..ma è solo questione di culo,anche se bisogna dire che nella scelta ci siamo applicati con più impegno.

  4. Eugenio Policriti ha scritto:

    anche gli assorbenti si è fatto rimborsare vergogna!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  5. Piero Nanni ha scritto:

    ma non era Roma ladrona????? la lega ha imparato presto …………….

  6. Pietro Favaro ha scritto:

    … alle regioni debbono togliere la possibilità di legiferare in materie economiche troppi centri di spesa incontrollati e incontrollabili …

  7. Lucio Bufo ha scritto:

    soldi dietro presentazione di fattura e loro certificazione …. come per i bilanci …

  8. Antonio Oi ha scritto:

    Ole’

  9. Anna Dell'acqua ha scritto:

    Ma non era Roma la ladrona?????????????????

  10. Piero Nanni ha scritto:

    il buon Cota ha preso lezioni dai Bossi (padre e dal figlio) ……………………………………

Lascia un commento