Mineo pronto a lasciare il Pd? “Potrei dimettermi o andare nel gruppo misto”

Pubblicato il 8 Ottobre 2014 alle 15:31 Autore: Fabrizio Neironi
Corradino Mineo e quella telefonata con Matteo Renzi

Se nel maxiemendamento non ci fosse alcuna modifica di sostanza, “potrei anche dimettermi dal Senato o andare al gruppo misto“. A dirlo è il senatore dem Corradino Mineo, che intervistato da Repubblica a poche ore dal voto di fiducia sul Jobs Act si riserva ancora un margine e sottolinea: “deciderò all’ultimo momento, considerando anche cosa faranno le correnti di Bersani e D’Alema”.

mineo minaccia tenuta maggioranza su riforma senato

Spiega quali sono le sue critiche di merito: “bisognerebbe dire a Renzi: basta. Basta con le drammatizzazioni. Il premier ha assicurato: non temo gli agguati, ma noi non siamo gente che fa agguati. È un modo di fare insopportabile”. “Renzi – continua il senatore – nasconde la difficoltà con queste continue sparate, per cui un giorno assalta Mineo, un altro Bersani, domani si vedrà…”. E sottolinea: “pur avendo un segretario del Pd e un premier molto bravo nello scontro politico contingente, bisogna dirgli: Non puoi passare di battaglia in battaglia e spianare gli avversari. Bisogna che cominci a riformare un po’, che faccia qualcosa per questo paese”. Mineo torna sui motivi per cui ancora non ha preso una decisione sul voto: “il problema non è mio personale. Ho cercato di far diventare le cose che penso patrimonio di un’area. Voglio confrontarmi con le altre correnti di minoranza”. E alla domanda se per lui contino le posizioni delle altre correnti dice: “certo. Si fa un percorso insieme”. “Non è che c’è un incontro di boxe Renzi contro Mineo”.

L'autore: Fabrizio Neironi

Laureato in Filosofia, attualmente frequenta le lezioni del Master in Editoria presso l'Università degli Studi di Verona. Scrive anche per Cronache Internazionali, dove commenta le politiche Ue e le scelte degli Stati membri. Segue con interesse la politica italiana, estera e il calcio. Per chi ama cinguettare, è semplicemente @neironif
    Tutti gli articoli di Fabrizio Neironi →