•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 14 ottobre, 2014

articolo scritto da:

Caso Beghin, M5S emarginato dal Parlamento Europeo

Non c’è pace in questi giorni per gli europarlamentari del Movimento 5 Stelle: dopo la bufera sullo staff della comunicazione, che ha portato Casaleggio a licenziare Claudio Messora ed i suoi dipendenti, si discute ora sull’emarginazione di Tiziana Beghin (M5S) da parte degli europarlamentari appartenenti ad altre fazioni politiche.

La Beghin, tre lingue in curriculum e membro della Commissione Commercio Internazionale, era in cima alla carica di Presidenza della delegazione Ue – Australia, ma “all’ultimo minuto” come lei stessa dichiara in una intervista si è candidato un tedesco liberale “senza qualifiche per la delegazione australiana ma sostenuto dai gruppi principali, socialisti e popolari”.

Alla domanda sulle motivazioni di una scelta del genere, la Beghin ha dichiarato: “Si è attivato il cordone sanitario attorno a noi. Il mio background era in linea con questa carica, parlo tre lingue e sono membro della Commissione Commercio Internazionale la scelta definitiva è caduta su un filo europeista. Dopo un dibattito molto acceso è emersa le verità e cioè che la bocciatura è stata frutto del dissenso nei confronti di un esponente del partito di Beppe Grillo, che secondo loro vuole distruggere l’Europa. A nulla è valso far capire che il M5S non ha questa volontà distruttiva nei confronti della Comunità Europea e che non si candiderebbe in quelle istituzioni in cui non crede”.

Erika Carpinella

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: