•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 10 maggio, 2014

articolo scritto da:

80 euro: scontro Renzi-Grasso sulle analisi del Senato

Tutto è partito dai tecnici del Senato. Perplessi, se così si può dire, sulle coperture e del decreto Irpef e (soprattutto) di quello Irap. Insomma, gli 80 euro mensili. Ma Renzi non ci sta ed è partito all’attacco del personale di Palazzo Madama difeso, al contrario, a spada tratta da parte di colui che presiede il ramo parlamentare più alto, Piero Grasso.

“Non posso accettare che si metta in discussione la serietà, l’autonomia e l’indipendenza degli uffici del Senato. Ricordo che il Senato è una istituzione che merita rispetto e non un carrozzone come definito da qualcuno”. A parlare è l’ex numero 1 dell’antimafia, Piero Grasso, indispettito dalle parole di Matteo Renzi che proprio ieri sera ha twittato i cedolini degli ormai celeberrimi 80 euro, resi noti dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan. Facendo, quindi, seguire un commento: “non mi si dica che non ci sono coperture. Le coperture ci sono”. Poi l’attacco al Presidente del Senato: “il presidente Grasso tende a difendere l’istituzione che presiede, lo comprendo, capisco il suo ruolo”.

cedolini 80 euro

Grasso ha alzato i toni durante la giornata di ieri: aveva difeso i suoi uffici e i suoi Senatori: “l’Ufficio del bilancio fornisce analisi sulla base dei dati che accompagnano i procedimenti legislativi. Se i dati sono corretti, sulle analisi poi si può concordare o meno ma senza retropensieri di vendetta”, sostenendo come “le valutazioni dei Senatori non possano essere considerate in parte valide ed in parte straccia”.

Daniele Errera

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: