•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 10 maggio, 2014

articolo scritto da:

Matacena: “sono a Dubai e non posso tornare”

amedeo matacena forza italia

“Faccio il maitre, sono senza passaporto e non mi posso muovere da qui”. Parole di Amedeo Matacena, ex deputato di Forza Italia condannato in via definitiva per legami con la ‘ndrangheta.

“Faccio il cameriere, visto che il mio patrimonio è sotto sequestro”, sostiene Matacena. Che poi riserva un pensiero anche all’ex ministro Claudio Scajola, arrestato con l’accusa di aver favorito la latitanza dello stesso Matacena: “mi dispiace, è una brava persona con cui sono in ottimi rapporti”.

matacena amedeo

Per l’ex deputato latitante il problema è politico: “al nord hanno usato attacchi contro Berlusconi, al sud contro Dell’Utri e Forza Italia che lì va fortissimo”. E aggiunge: “se hanno condannato me, che vivo da 20 anni sotto scorta, allora forse è il caso di rivisitare il 416 bis”.

Matacena si concentra sulla propria condizione (“voglio aspettare le decisioni della Corte europea dei diritti dell’uomo”) e si dimostra incredulo in merito al trattamento del proprio patrimonio (“sono sorpreso, non c’è stato alcun occultamento”). Su un eventuale ritorno in Italia non si sbilancia: “è un punto che ha causato attriti tra me e mia moglie, portando al divorzio”, in quanto “io volevo aspettare le sentenze da libero, mentre lei non voleva andassi via”.

Emanuele Vena

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: