•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 25 luglio, 2015

articolo scritto da:

Sondaggio CGIL: scende la fiducia verso l’Unione Europea

Sondaggio CGIL: grafico a barre. L'Italia deve restare nell'Unione Europea

Sondaggio CGIL: la rilevazione Tecnè realizzata per il sindacato di Susanna Camusso e pubblicata da Repubblica evidenzia un calo di fiducia verso l’Unione Europea e  le sue istituzioni ma in pochissimi vorrebbero lasciare l’Euro.

Dopo il Sondaggio Demopolis anche l’Istituto Tecnè si occupa di fiducia nei confronti dell’Europa e delle sue istituzioni testando anche la possibilità di un’uscita dall’Unione e dall’Euro. I risultati ottenuti dal sondaggio commissionato dalla CGIL si accodano perfettamente a quelli raccolti precedentemente: c’è un forte clima di sfiducia ma nonostante questo gli italiani restano convinti che non sia pensabile un’Italia fuori dalla moneta unica e dalla Ue. Il Rapporto “Gli Italiani e l’Europa” è stato presentato da Susanna Camusso nel luogo simbolo dell’ideale Europeo, Ventotene.

Sondaggio Cgil sull'Unione Europea. Grafico a barre. poca fiducia nell'Ue

Dai pareri di 1000 italiani si possono evincere numerosi fattori, su tutti è bene partire dalla lontananza dai bisogni primari delle persone. Da questa considerazione nasce un giudizio negativo condiviso dal 55,0% degli intervistati, +5% rispetto a dicembre,  mentre le risposte positive si fermano solamente al 43,3%. Le cose migliorano tra gli under 30 nei quali  il 65% rivolge speranze sull’Ue mentre i più critici sono rappresentati nella fascia di età tra i 30 e i 44 nella quale meno di quattro su dieci (38%) si esprimono positivamente.

Scende anche l’equazione Europa stabilità economica, infatti, per il 66,5% del campione stare in Europa non rende il nostro paese più stabile e per il 64,9% nemmeno la moneta unica si può più considerare un fattore di stabilità. Scarso anche l’appeal sulle nuove opportunità che si potrebbero generare: solamente il 15% ritiene che l’Europa abbia migliorato i nostri standard di vita mentre il 72,9% sostiene che il sistema comunitario non offre nuove opportunità alle imprese.

Può sembrare paradossale visti i dati raccolti ma solo pochissimi italiani sono per l’uscita dall’Unione Europea e dall’Euro. Passa dal 67,3 al 69,4% la percentuale delle persone che credono sia necessario restare nell’UE mentre cresce addirittura di 5 punti percentuali il dato di chi vuole restare nell’euro che arriva al 67,1%.

Sondaggio CGIL: grafico a barre. L'Italia deve restare nell'Unione Europea

Il quadro italiano non si discosta molto da quello dei nostri cugini greci: assolutamente contrari all’attuale organizzazione e struttura europea ma assolutamente convinti della necessità che non si possa uscire dal sistema Europa.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: