Sondaggi M5S: si riduce ancora la distanza dal Pd

Pubblicato il 13 Novembre 2015 alle 23:05 Autore: Umberto Zimarri
Sondaggi M5S: sondaggio Ixè per Agorà. Il M5S accorcia la distanza dal Pd

Il sondaggio Ixè del venerdì, presentato nel programma di Rai Tre, Agorà, ha come protagonista il Movimento Cinque Stelle che anche in questa settimana riesce ad accorciare la distanza dal Partito Democratico, comunque in crescita.

Sondaggi M5S, i pentastellati superano il 28%. Male Fi

Il Partito Democratico arriva a cifra tonda 34%, per gli uomini di Matteo Renzi che in questa settimana guadagnano lo 0,2%, ma questo non basta a tenere a distanza il Movimento Cinque Stelle che fa un balzo in avanti dello 0,6%, superando così, il muro del 28,0%. Ad oggi la distanza è di sei punti percentuali. Segno più anche per la Lega Nord che ottiene il 14,3% dei consensi (+0,2%). Male, malissimo Forza Italia che si ferma solamente al 9,1% facendo segnare un decremento dello 0,7%. Piccola flessione, (-0,1%) anche per Sinistra Ecologia e Libertà, bloccata al 3,8%.

Sondaggi M5S: sondaggio Ixè per Agorà. Il M5S accorcia la distanza dal Pd

La schermata dedicata ai partiti minori non contiene scostamenti davvero importanti anche se è bene segnalare il buon risultato di Rifondazione Comunista (+0,4%/1,4%) e il calo del partito di Angelino Alfano (-0,3%/2,5%). Segno più anche per i Verdi che ottengono lo 0,5% (+0,2%). Stabili tutti gli altri: Fratelli D’Italia al 3,0%, Idv allo 0,4 così come Scelta Civica.

Sondaggio ixè, intenzioni di voto partiti minori. Calo per Area popolare

Per quanto riguarda la fiducia, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ottiene il 62% subendo un calo dell’uno per cento mentre resta stabile il Presidente del Consiglio, Renzi, al 32%. Salgono di due punti, Di Maio e Salvini che toccano rispettivamente il 25 e il 24%.

Sondaggio Ixè, cartello sulla fiducia dei leader: politici. Sale Di Maio

Chiudiamo il sondaggio con il cartello riguardante quelle che dovrebbero essere le priorità del governo secondo gli italiani. In questo caso non ci sono dubbi per il 51% l’esecutivo dovrebbe rivolgere la sua attenzione sull’occupazione. Il 18% chiede,invece, un cambio di passo sull’istruzione e sulla ricerca mentre solo una piccola parte si rivolge alla riforma delle pensioni. Quasi due su cinque,invece, scelgono altre aree d’intervento.

Sondaggio Ixè, cartello. Secondo gli italiani il governo si dovrebbe concentrare sul problema occupazione

Per una maggiore chiarezza e correttezza nella lettura dei sondaggi, è bene pubblicare la classifica dell’attendibilità dei sondaggi calcolata da Termometro Politico nelle ultime tornate elettorali.