Licenziamenti Forza Italia: dipendenti a casa

Pubblicato il 16 Dicembre 2015 alle 12:24 Autore: Redazione
Licenziamenti, Forza Italia, Mariarosaria Rossi, Berlusconi, a sinistra Silvio Berlusconi in giacca e cravatta scura con camicia azzurra e affianco Mariarosaria Rossi

Licenziamenti Forza Italia: brutte notizie per i lavoratori del partito di Silvio Berlusconi protagonisti della missiva firmata dalla tesoriera Mariarosaria Rossi.

Non si può parlare certo di un fulmine a ciel sereno visto che è dei mesi scorsi la notizia della chiusura della sede nazionale di Forza Italia inaugurata solo due anni prima e causata dalla crisi economica che investe il movimento politico ormai da diverso tempo. Sono 81 i lavoratori licenziati.

Licenziamenti, Forza Italia, Mariarosaria Rossi, Berlusconi, la senatrice Mariarosaria Rossi con le braccia aperte e una maglia bianca e nera

Licenziamenti Forza Italia, la lettera della tesoriera

“Cari amici, con profondo rammarico vi comunico di essere stata costretta a dare avvio alla procedura di licenziamento collettivo dei nostri dipendenti, notificandola al Ministero del Lavoro e alle Rappresentanze Sindacali. Questa decisione è diretta conseguenza del D. legge 149/2013 convertito in legge del 21 febbraio 2014 n. 13, che ha abolito il finanziamento pubblico ai partiti ed ha, (art. 10), posto un tetto di 100.000 euro per persona al finanziamento da parte dei privati. Tutti sanno che Forza Italia, nata nel 1994, è diventata il primo Partito italiano grazie al suo fondatore e presidente Silvio Berlusconi che, oltre ad esserne la guida, si è fatto carico personalmente della sua sostenibilità economica e finanziaria. La vita politica di Forza Italia naturalmente continua, perché faremo di necessità virtù. Rilanceremo il nostro Movimento che deve diventare flessibile, modulabile e quindi sostenibile. Daremo vita ad un utilizzo innovativo ed efficace di tutti i mezzi di comunicazione e per le funzioni organizzative ci avvarremo dell’aiuto volontario di tutti voi, dell’impegno generoso di tanti militanti e dei gruppi parlamentari. Coinvolgeremo anche quei milioni di cittadini che continuano e continueranno a credere nei nostri programmi e nei nostri valori di democrazia e di libertà. È grande, naturalmente, l’afflizione di dover licenziare i nostri leali e qualificati collaboratori. Abbiamo provato di tutto in questi ultimi dodici mesi per evitarlo. Inutilmente, parchè l’apertura della procedura di licenziamento si è posta come atto dovuto. Potrà essere modificata in futuro soltanto e se, con la collaborazione delle organizzazioni sindacali, si dovessero trovare soluzioni alternative oggi non ipotizzabili”.

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →