pubblicato: venerdì, 5 agosto, 2016

articolo scritto da:

Referendum Costituzionale: ecco i nomi dei 10 parlamentari PD a favore del NO

legge elettorale, assemblea nazionale Pd, referendum costituzionale

Referendum Costituzionale: da dieci parlamentari del Pd arriva il documento per il No

Sono dieci i parlamentari del PD firmatari di un documento a sostegno del No al referendum costituzionale del prossimo autunno. Una scelta, che come spiegano i firmatari, non è contro il governo, ma serve per entrare nel merito della riforma andando oltre a qualsiasi tipo di schieramento politico.

I democrat protagonisti di questa decisione sono i senatori Corsini, Drindin, Marconi, Micheloni, Mucchetti, Ricchiuti, Tocci e i deputati Bossa, Capodicasa e Monaco. “Noi parlamentari Pd per il No al referendum” è il titolo del documento politico presentato, nel quale sono state spiegate le ragioni di questa decisione.

Referendum Costituzionale: ecco chi sono i firmatari PD per il NO

I protagonisti, sostengono che questa iniziativa possa essere utile due volte: in primo luogo servirebbe ad aprire un reale confronto sulla riforma costituzionale lontano da pregiudiziali posizioni di partito; ed in secondo luogo potrebbe dare voce a elettori e dirigenti del Pd che non si riconoscono nella riforma. Una posizione, in contrasto da quella ufficiale del Partito democratico, portata avanti nella consapevolezza che a norma di statuto, su temi come principi e impianto costituzionale, non vi sia disciplina di partito che tenga.

Sulla vicenda è intervenuto il vice – segretario nazionale del Pd, Lorenzo Guerini, che replica così: “non condivido la scelta di alcuni miei colleghi, anche se come logico la rispetto”. Inoltre, sulla possibilità che vengano presi dei provvedimenti disciplinari nei loro confronti, ha aggiunto: “Assolutamente No, siamo un partito, non una caserma”.

Di avviso opposto, ovviamente, i rappresentanti del comitato per il No che considerano positiva questa presa di posizione, poiché si tratta di un No di merito sulla riforma Renzi – Boschi, aprendo un dibattito serio all’interno dello stesso partito ed allontanando la discussione sui destini del governo e dello scambio Italicum – riforma. Certo un duro colpo per il Premier Matteo Renzi, che sin da subito ha “personalizzato” il voto del prossimo ottobre, fino a mettere in discussione la sua permanenza e quella del governo in caso in cui la riforma non superi la prova del voto.

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: