pubblicato venerdì, 30 Settembre 2016

articolo scritto da

Referendum: Renzi ingaggia uno specialista

referendum costituzionale, renzi, #matteorisponde

Referendum: Renzi ingaggia uno specialista

Tra i più noti esperti di comunicazione politica, sarà David Hunter a preparare i volontari Dem che “casa per casa” porteranno avanti la campagna per il Sì. Socio di Jim Messina, il super-consulente – con alterne fortune – di Obama, Cameron, Rajoy nonché del premier, Hunter metterà in campo una strategia articolata in 5 punti con l’obiettivo di conquistare almeno il 15% di quel 35% di elettori che si stima essere ancora indeciso su cosa votare al referendum (ma anche il 3-6% di chi intende votare “no”).

CLICCA QUI PER CONSULTARE LA NOSTRA PAGINA SPECIALE SUL REFERENDUM 

Referendum: Renzi ingaggia uno specialista

Su cosa batterà l’argomentazione dei volontari:

1) semplificazione legislativa – verrà evidenziata la differenza tra i tempi medi di approvazione in un sistema bicamerale e in un sistema, di fatto, monocamerale (l’esempio base potrebbe essere quello del lunghissimo iter patito dall’«omicidio stradale»)

2) riduzione del numero di parlamentari – molti elettori potrebbero infastidirsi a sentir snocciolare le “gesta” del governo, è molto più probabile catturarne l’attenzione con la prospettiva di un taglio della “casta”

3) ritorno di alcune funzioni rilevanti allo Stato – l’esempio sarà quello della promozione turistica

4) migliore equilibrio tra Stato e regioni – grazie al nuovo ruolo del Senato

5) la complessiva semplificazione dello Stato – più leggero e veloce, più economico (si tornerebbe alla carica con il mantra dei 500 milioni ai più poveri)

Questa l’articolazione della “prima fase” a cui seguirà una seconda, quella dei feedback: se il cittadino si dichiarerà convinto, verrà invitato a partecipare al “porta a porta”, magari insieme a colleghi e amici, invece, se rimarrà contrario, gli verrà chiesto di indicare un “motivo prevalente” che il volontario indicherà su apposita scheda. Quest’ultima sarà poi inserita nella banca dati dei “motivi ricorrenti” del No: lo studio dei dati permetterà agli esponenti del Pd di preparare, di affinare, gli interventi mediatici con l’obiettivo di cambiare l’orientamento dei contrari.

articolo scritto da: