pubblicato: giovedì, 14 Dic, 2017

articolo scritto da:

Consumo di alcool e tabacco, Est Europa in testa – infografiche

INFOGRAFICHE CONSUMO DI ALCOOL E TABACCO

Consumo di alcool e tabacco, Est Europa in testa – infografiche

Tabacco e Alcool dividono l’Europa. Come se ancora fosse attiva la cortina di ferro, è proprio tra Est e Ovest che è maggiore la differenza su queste tipologie di consumo

L’infografica tuttavia distingue tra il consumo di bevande alcoliche e quello di sigarette o simili, per evidenziare quali Paesi siano in testa in entrambi i casi e quali invece si distinguono solo per uno.

Per quanto riguarda l’alcol nel 2016 la percentuale dei consumi totali spesi in birra, vino o super-alcolici raggiungeva il 5,6% in Estonia, mentre era minimo in Grecia, Spagna e Italia, dove si rimaneva sotto l’1%.

Quasi tutta l’Europa dell’Est era sopra il 2%, tranne i Paesi più meridionali come Romania, di cui non ci sono dati, Bulgaria e Slovenia. A Ovest solo Irlanda, Islanda, Svezia e Norvegia avevano dati simili a quelli dei Paesi dell’Est.

Si conferma come nei Paesi nordici e dell’Est l’alcool abbia una importanza decisamente maggiore che in quelli del Sud.

Ma calante. Perchè nell’infografica è possibile scorrere gli anni e osservare cosa avveniva in passato. A metà anni ’90 nei Paesi baltici si era anche toccata quota 8% come proporzione dei consumi dedicati all’alcool. Percentuale mai più raggiunta. Si noti anche il calo del dato francese.

Consumo di alcool e tabacco, il Sud Europa preferisce le sigarette all’alcool – infografiche

Le cose cambiano parzialmente se ci occupiamo del tabacco.

In questo caso al primo posto vi è la Repubblica Ceca, con il 4,4%, seguita da Ungheria e Serbia, al 4% e al 4,2%, ma spicca anche la Grecia, con il 3,3%, come la Bulgaria, che non compariva tra i Paesi invece con maggiore consumo di alcoolici. Anche in Italia con l’1,8% è davanti ai Paesi scandinavi. La Spagna con il 2% è molto vicina alla Lituania, con cui la distanza era enorme nelle statistiche sull’alcol.

I minori consumatori di tabacco sono proprio i finlandesi, gli svedesi, gli islandesi, con meno dell’1,5% dedicati al fumo.

Anche in questo caso negli anni c’è stato un calo, quasi ovunque, più o meno marcato, ma non in Italia, dove, nonostante tutte le trasformazioni, siamo sempre oscillati tra 1,8% e 1,9%

 

INFOGRAFICHE CONSUMO DI ALCOOL E TABACCO

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOKTWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: