pubblicato: mercoledì, 3 Gen, 2018

articolo scritto da:

Una notte al museo 2 – La fuga: cast, trama e recensione. Stasera in tv

una notte al museo

Una notte al museo 2 – La fuga: cast, trama e recensione. Stasera in tv

Dopo “Una notte al museo”- trasmesso ieri sera– Rai 2 ci propone stasera 3 gennaio alle 21:05 il secondo film della saga “Una notte al museo 2- La fuga”. Alla regia del film, uscito nel 2009, ritorna Shawn Levy che sceglie ancora l’attore Ben Stiller per vestire i panni del custode notturno Larry Daley. La nuova star è Amy Adams, nel ruolo dell’aviatrice Amelia Earhart.

Una notte al museo 2- La fuga, trama e cast

Il protagonista Larry Daley dopo due anni ha lasciato il proprio impiego da custode notturno al Museo di Storia Naturale ed è diventato un imprenditore. Nostalgico, ritorna sul suo vecchio posto di lavoro e scopre che tutti i pezzi del museo saranno sostituiti da ologrammi e trasferiti negli archivi dello Smithsonian Museum. Larry riceve poi una telefonata dal cow boy in  miniatura Jedediah: tutti i pezzi del museo si trovano in pericolo, in ostaggio del faraone Kahmunrah che ha rubato la tavola del fratello e ha riportato in vita il museo più grande del mondo, lo Smithsonian. Toccherà ancora a Larry salvare tutti, combattendo contro nuovi nemici e affiancato da vecchi e nuovi alleati, come ad esempio la coraggiosa aviatrice Amelia Earhart.

Nel cast ritornano vecchi attori quali Ben Stiller (nel personaggio di Larry Daley); Owen Wilson (il cow boy Jedediah) e Robin Williams (la statua di Teddy Roosevelt). New entry l’attrice Amy Adams nei panni di Amelia Earhart, la prima donna ad attraversare in aereo l’Oceano Atlantico; Hank Azaria ad interpretare il malvagio faraone e Alain Chabat nel ruolo del cattivo Napoleone Bonaparte.

Una notte al museo 2- La fuga, recensione

Il regista Shawn Levy ripropone gli elementi di successo del primo film, inserendoli in un contesto diverso e più grande ma con ciò non riuscendo a dare elementi di novità alla pellicola. Infatti la trama e l’evoluzione del protagonista si ripetono quasi uguali, nei loro punti principali. In compenso, la performance degli attori è da lodare. Nel complesso il film non si dimostra all’altezza del precedente ma ha comunque attirato recensioni positive da parte di pubblico e critica.

Megghi Pucciarelli

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: