articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Elezioni politiche 2018: candidati Camera e Senato condannati – infografica

sondaggi politiche 2018, Elezioni politiche 2018: candidati condannati Camera e Senato

Elezioni politiche 2018: candidati Camera e Senato condannati – infografica.

Con l’avvicinarsi del giorno delle elezioni politiche 2018 e il blackout sui sondaggi, a far parlare sono ancora loro: i candidati inseriti nelle liste dei partiti. Nella sua rubrica di inchiesta sul Corriere, Milena Gabanelli ha rispolverato la Legge n. 190 del 6 dicembre 2012; ovvero la cosiddetta Legge Severino. Che stabilisce i criteri di non candidabilità alla Camera e al Senato, in base alle tipologie delle eventuali condanne in via definitiva, in primo o in secondo grado.

Elezioni politiche 2018: i non candidabili secondo la Legge Severino

Secondo la Legge non possono essere candidati alla Camera e al Senato:

  • Condannati in via definitiva a più di 2 anni di reclusione per reati non colposi contro la PA, come peculato o corruzione; associazione per delinquere; associazione mafiosa e terrorismo.
  • Condannati per reati punibili con almeno 4 anni di reclusione.

La Legge stabilisce anche che qualora il criterio di incandidabilità sopravvenga durante il mandato, la Camera dovrà votare la decadenza. E inoltre, che a livello locale e regionale, per non essere candidabile sarà sufficiente una condanna in primo grado.

Elezioni politiche 2018: candidabili Camera e SenatoFonte: Dataroom – Corriere.it

Elezioni politiche 2018: candidati condannati in via definitiva

Di seguito la Gabanelli passa in rassegna coloro i quali hanno ricevuto condanne in via definitiva, ma che si trovano comunque candidati nelle liste dai loro partiti.

  • Paolo Romani: nel 2012 da assessore all’Urbanistica del Comune di Monza, aveva in dotazione un cellulare che usava la figlia. In 4 mesi 9.800 euro. Una volta scoperto, provvede a restituirli. Recentemente è stato condannato in via definitiva per peculato. Tuttavia la tempistica stabilita dalla condanna (inferiore ai 2 anni) gli permette di essere candidato. E infatti è capolista al Senato per Forza Italia.
  • Domenico Scilipoti: reo di aver prodotto documenti falsi per evitare di pagare un debito di oltre 200 mila euro, anche a lui è stata riservata una condanna in via definitiva. Attualmente è candidato al Senato con Forza Italia.
  • Salvatore Sciascia: condannato in via definitiva a 2 anni e 6 mesi nel 2001 per tangenti alle Fiamme Gialle. È stato poi riabilitato 4 anni più tardi dal Tribunale di Milano e ha proseguito l’attività politica nel 2008 e nel 2013 come candidato al Senato. Ci riproverà anche nel 2018, sempre con Forza Italia.

Elezioni politiche 2018 condannati in via definitiva

Fonte: Dataroom – Corriere.it

Elezioni politiche 2018: candidati condannati in primo e in secondo grado

Quindi si passa ai condannati in primo e in secondo grado, comunque candidati dai loro partiti nelle liste.

  • Umberto Bossi: condannato in primo grado a 2 anni e 3 mesi per avere illecitamente usato i rimborsi elettorali del suo partito al fine di “coprire spese di esclusivo interesse personale”. Oggi è candidato al Senato con la Lega.
  • Roberto Formigoni: condannato in primo grado a 6 anni e interdetto dai pubblici uffici per corruzione. In cambio di vacanze e viaggi gratis, assicurava rimborsi al San Raffaele e alla Fondazione Maugeri. Candidato al Senato con Noi con l’Italia.
  • Ugo Cappellacci: condannato in primo grado a 2 anni e 6 mesi a causa della bancarotta della Spet Italia. Attualmente è capolista alla Camera per Forza Italia.
  • Antonio Angelucci: condannato in primo grado a 1 anno e 4 mesi per falso e tentata truffa, avendo tentato di conseguire fondi all’editoria per i suoi quotidiani. Candidato alla Camera con Forza Italia.
  • Urania Papatheu: condannata in primo grado a 1 anno e 6 mesi per avere impropriamente utilizzato la carta di credito dell’Ente Fiera di Messina di cui era commissaria. Oggi è capolista per Forza Italia al Senato.
  • Michele Iorio: condannato in secondo grado a 6 mesi e a 1 anno di interdizione dai pubblici uffici per abuso d’ufficio. Decaduto da consigliere regionale del Molise, è stato poi candidato al Senato da Noi Con l’Italia proprio per il Molise.

Elezioni politiche 2018 condannati in primo e secondo grado

Fonte: Dataroom – Corriere.it

Elezioni politiche 2018: candidati condannati candidabili o no?

Va precisato che nessuna delle persone sopraccitate risulta incandidabile in base ai criteri imposti dalla Legge Severino. Detto questo la Gabanelli si chiede se sia più importante il diritto del singolo o l’istituzione che quel singolo andrà a rappresentare? La giornalista sa di entrare nella sfera etica e di responsabilità dei partiti; scaricandone il peso su chi ha fatto queste scelte. “Essendo i partiti e non gli elettori a scegliere chi andrà in Parlamento era necessario metterli in lista per le elezioni del 4 marzo?”, è la domanda della giornalista.

Il concetto espresso dalla video inchiesta risulta comunque lapalissiano. La fiducia dei cittadini (e di chi andrà a votare) italiani nei confronti delle istituzioni politiche passa anche da qui.

LO SPECIALE ELEZIONI POLITICHE A QUESTO LINK

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: giovedì, 22 Febbraio 2018