• 91
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 28 febbraio, 2018

articolo scritto da:

Elezioni politiche 2018: Berlusconi il più insultato. Seguono Renzi e Salvini

elezioni politiche 2018 social network

Elezioni politiche 2018: Berlusconi il più insultato. Seguono Renzi e Salvini

La campagna di queste elezioni politiche 2018 sembra non essere tanto amata dagli italiani. In particolare, rispetto a 5 anni fa – con facebook già in auge e Twitter in rampa di lancio -sembra esserci stato un incremento generalizzato dell’odio. I più colpiti sono i leader più in vista, ma ce n’è per tutti. Nella rilevazione effettuata da D-LinK si analizza il sentimento della rete: chi è l’elettore più arrabbiato? Da dove proviene? Qual è il suo bersaglio preferito?

Come si osserva nella nota metodologica;

“L’analisi è stata realizzata con il tool Crimson Hexagon. Sono stati presi in esame tutti i contenuti pubblicati online (in Italia e in italiano) dal 1 gennaio 2018 al 12 febbraio 2018 su social media, blog, forum e piattaforme di condivisione contenuti.

Gli argomenti in esame sono quelli legati al tema delle elezioni politiche 2018, ai partiti politici e ai rispettivi leader. Grazie al tool è possibile analizzare, scremare e raggruppare contenuti a seconda di specifiche parole chiave, argomenti e sentiment delle conversazioni.

A seguire è stato fatto un processo di verifica qualitativa manuale.”

L’analisi si basa su 2 milioni di commenti relativi alle elezioni politiche 2018, postati dal primo gennaio in poi.

Elezioni politiche 2018: oltre 10.000 commenti tra minacce e “augurio” di morte

Sui 2 milioni di commenti relativi alle politiche del 4 marzo, poco più della metà possono essere definiti “neutri”; ovvero, non caratterizzati da particolari commenti positivi o negativi rivolti a un individuo o partito. Segue il commento negativo: il 38% delle considerazioni sulle elezioni politiche (750.000 circa) contengono un messaggio negativo, offensivo o addirittura minaccioso. Sono ben 15.000 i commenti che augurano o minacciano la morte a un determinato politico o leader d’opinione. Altri 19.000 contengono riferimenti ad atti violenti.

L’elettore più arrabbiato è senza dubbio di genere maschile, che produce il 68% dei commenti insultanti e volgari, contro il “contributo” del 32% da parte delle donne. 

Elezioni politiche 2018: nella campagna dell’odio in rete, “vince” il cavaliere. Gentiloni non pervenuto

Nella top 5 dei più insultati, primeggia il cavaliere Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia (interdetto dagli Uffici Pubblici fino al 2019) è il destinatario del 23% degli insulti personali rilevati. Seguono, a stretto giro di postai due Matteo: Renzi e Salvini (appaiati al 21%). Fuori da questo podio infelice, Di Maio (11%) e Grasso (8%).

Si rileva la presenza di Sgarbi all’interno di questa speciale classifica. Il critico d’arte ha un conto aperto con Di Maio e le sue uscite provocatrici generano sempre un gran dibattito. In coda alla classifica degli insultati, troviamo la portavoce di Potere al Popolo, Viola Carofalo (0,2% degli insulti totali in rete).

Le donne più vessate sono Emma Bonino (4,3%) e Giorgia Meloni (6,2%). La prima, viene accusata sia dall’estrema sinistra di Potere al Popolo, sia da una parte dell’elettorato di LeU. Giorgia Meloni attira le antipatie della gran parte del centrosinistra e le sue posizioni radicali la espongono a maggiori criticità.

Menzione positiva per Paolo Gentiloni. Il premier – complice il suo basso profilo – non rientra tra le figure di rilievo più insultati sul web.

Elezioni politiche 2018: la guerra infinita tra PD e M5S

Per quanto riguarda gli attacchi ai partiti, “vince” il partito di Governo: il Partito Democratico. I “dem” ricevono il 39% degli insulti e offese rivolte alle organizzazioni politiche. Segue il M5S, oggetto di critica per il 34% dei contestatori. Può stupire la lontananza della Lega e di Forza Italia, che presenta 2 dei 3 leader più vessati in rete. La Lega guadagna il terzo posto del podio dell’odio (12%). Segue, in quarta posizione, la formazione di estrema destra e apertamente neofascista, CasaPound Italia (5%). Forza Italia segue con il 4%. Tutti gli altri partiti si aggirano attorno all’1% degli attacci totali alle formazioni politiche.

ultimi sondaggi, sondaggi politici elettorali, media sondaggi

Elezioni politiche 2018: picco di commenti per sacchetti, liste e Macerata

Come riporta D-Link, i giorni più intensi per l’agorà virtuale coincidono con alcuni eventi più o meno determinanti. Dalla bolla dei sacchetti bio, ai fatti di Macerata, fino alla discussione di Giorgia Meloni con il diretore del Museo Egizio di Torino.

  • 4 gennaio (sacchetti bio)
  • 10 gennaio (Berlusconi supporta la candidatura di Fontana)
  • 18 gennaio (cambio del simbolo M5S)
  • 29 gennaio (presentazione delle liste)
  • 3 febbraio (fatti di Macerata)
  • 12 febbraio (Museo Egizio)

PAGINA SPECIALE SULLE ELEZIONI POLITICHE A QUESTO LINK

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

 

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: