18/07/2014

Mandela Day: Africa sotto attacco

autore: Raffaele Masto

Oggi è il Mandela Day, voluto dalle Nazioni Unite. E’ il primo che si celebra senza Nelson Mandela. In Europa e nel mondo questa giornata rischia di passare sotto silenzio oscurata dalla operazione di terra israeliana a Gaza e dall’abbattimento dell’aereo malese con quasi trecento persone a bordo, nei cieli dell’Ucraina.

In Sudafrica questa giornata si celebra mentre prosegue ad oltranza lo sciopero dei metalmeccanici, mentre il settore minerario è ancora senza accordi e in agitazione. Mentre il paese è stato superato, in termini di Pil, dalla Nigeria e dunque segna il passo sul piano della crescita economica che, invece, caratterizza molti paesi del continente.

mandela

Photo by Futureatlas.com – CC BY 2.0

E poi questa giornata si celebra mentre l’Africa è praticamente sotto attacco da parte delle forze dell’integralismo islamico armato: sulle coste orientali da parte di Al Shebab, in Mali dove la Francia è stata costretta a rilanciare l’operazione militare Serval, e in Nigeria dove Boko Haram continua ad attaccare, con uno sconcertante successo, obiettivi nel nord del paese. E soprattutto detiene quasi trecento liceali sequestrate lo scorso aprile, colpevoli di voler andare a scuola.

E, infine, questa giornata si celebra mentre sembra si stia preparando nella Regione dei Grandi Laghi una sorta di resa dei conti tra i paesi e le forze che desiderano avere un accesso privilegiato alla immense risorse minerarie.

Si potrebbe dire, in modo un po’ rituale, che in questa giornata il mondo e l’Africa sentono un grande bisogno di personaggi della statura di Nelson Mandela che non sembra riescano ad emergere.

Immagine in evidenza: photo by Thierry Ehrmann – CC BY 2.0

Autore: Raffaele Masto

Giornalista di Radio Popolare-Popolare Network. E' stato inviato in Medio Oriente, in America Latina ma soprattutto in Africa dove ha seguito le crisi politiche e i conflitti degli ultimi 25 anni. Per Sperling e Kupfer ha scritto "In Africa", "L'Africa del Tesoro". Sempre per Sperling e Kupfer ha scritto "Io Safiya" la storia di una donna nigeriana condannata alla lapidazione per adulterio. Questo libro è stato tradotto in sedici paesi. L'ultimo suo libro è uscito per per Mondadori: "Buongiorno Africa" (2011). E' inoltre autore del blog Buongiornoafrica.it
    Tutti gli articoli di Raffaele Masto →