• 6
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 21 marzo, 2018

articolo scritto da:

Elezioni regionali 2018: candidati Molise, la situazione a fine marzo

elezioni regionali

Elezioni regionali 2018: candidati Molise, la situazione a fine marzo

Si vota domenica 22 aprile. Sabato prossimo, 24 marzo, scade il termine per la presentazione delle candidature. E se Movimento 5 Stelle e centrodestra hanno ufficializzato le proprie candidature, Andrea Greco per il primo e Donato Toma per il secondo, nel centrosinistra a regnare è solo il caos.

Dopo il rifiuto di Antonio Di Pietro, la situazione si è fatta sempre più incerta. Due i nomi in pole: Paolo di Laura Frattura, presidente molisano uscente; Roberto Ruta, ex senatore dem. Quest’ultimo ricordato per non aver votato la fiducia al Rosatellum. Esponenti di due aree differenti del centrosinistra, l’uno Pd, l’altro Molise 2.0; entrambe le parti si dicono intenzionate a convergere sull’unità del centrosinistra. Non è dunque escluso che venga scelto un candidato ‘terzo’.

“Troviamo insieme una soluzione su basi programmatiche; condividendo un percorso virtuoso che possa portare, nel più breve tempo possibile, all’individuazione di una figura di garanzia capace di fare sintesi tra tutte le forze politiche di centrosinistra” dichiarano i dem isernini Luciano Sposato e Ovidio Bontempo. “Per quanto ci riguarda – continuano – accogliamo l’appello all’unità rivolto da Molise 2.0 rinnovando la disponibilità a proseguire ad horas il tavolo aperto con il Partito Democratico per esperire, fino in fondo e senza pregiudiziali, ogni tentativo volto al raggiungimento dell’unità del centrosinistra; elemento imprescindibile per il futuro politico della nostra Regione”.

Elezioni regionali 2018: candidati Molise, la situazione a fine marzo

Sulla ‘figura di garanzia’ invocata da Sposato e Bontempo, inoltre, potrebbe accordarsi anche Coscienza Civica di Massimo Romano. Quest’ultima infatti, interrotta la trattativa con il centrodestra, starebbe contrattando con i rutiani.

Comunque vada, il 22 aprile l’elettorato molisano è chiamato alle urne. Data di inaugurazione delle nuove regole elettorali, il Molise elegge il Consiglio e il proprio Presidente a suffragio universale e diretto su un’unica scheda elettorale.

Rispetto alla maggioranza delle regioni, la legge elettorale molisana non prevede il voto disgiunto. L’elettore, dunque, potrà votare per un candidato presidente e per una lista ad esso collegata. Premio di maggioranza per la lista o coalizione collegata al candidato presidente risultato eletto e soglie di sbarramento al 3% per le liste singole e al 10% per le coalizioni. Infine, la garanzia della rappresentanza di genere è tutelata dalla clausola che impone che gli esponenti di un sesso non possano superare il 60% dei candidati di una lista.

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da: