• 120
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 5 aprile, 2018

articolo scritto da:

Elezioni 2018: ultime notizie: Di Maio si ritira? Scontro nel M5S

elezioni 2018

Elezioni 2018: ultime notizie: Di Maio si ritira? Scontro nel M5S

Oggi il secondo giorno di consultazioni tra Presidente della Repubblica e forze politiche. Il dialogo in chiave governo è destinata a entrare nel vivo: Mattarella oggi incontrerà Pd (10), Forza Italia (11), Lega (12) e Movimento 5 Stelle (16.30). Inoltre, molti nodi venuti al pettine nell’ultimo mese verranno del tutto esplicitati.

Innanzitutto, il Movimento 5 Stelle non è disposto a trattare sul premier, invece, per quanto riguarda le alleanze, si esclude a priori un qualunque dialogo con Forza Italia. Quindi, la Lega, nonostante i tentativi di avvicinamento ai pentastellati, ha finora rifiutato qualsiasi accordo; in parallelo, il Carroccio ha rifiutato anche di negoziare con il Pd che, dal canto suo, intende restare all’opposizione.

Elezioni 2018: ultime notizie: Di Maio si ritira? Scontro nel M5S

Insomma, i veti incrociati hanno creato una matassa che al momento pare molto difficile districare. Dunque, l’unico che potrebbe fare una mossa decisiva, cioè Matteo Salvini, si limita a ribadire che se “tutti sono fermi e nessuno si muove”, allora, “si va a votare”.

Ecco che si arriva ai dilemmi interni ai 5 stelle. Come riferisce Dagospia, si starebbe consumando uno “scontro” ai vertici del partito vista la situazione di stallo. Allo stato dei fatti, i 5 stelle non possono governare da soli; d’altra parte, potrebbero governare con il centrodestra: a quel punto il problema consisterebbe nel dover scendere a patti con Silvio Berlusconi, oltre al fatto che Salvini sembra aver chiuso le porte di Palazzo Chigi a Di Maio.

In pratica, allearsi con altre forze politiche per i pentastellati equivarrebbe a rinunciare a buona parte del proprio programma; oppure obbligherebbe Di Maio a un passo indietro sulla Presidenza del Consiglio. Ora, a quanto riferiscono le indiscrezioni, per Davide Casaleggio bisogna andare al governo – a qualsiasi costo – e dimostrare di saper governare; anche se non si realizzerà tutto il programma, gli elettori capiranno. In parallelo si muove Beppe Grillo; il fondatore sa bene che dove governa il Movimento perde voti: l’ideale sarebbe tirarsi fuori dalla rissa e lasciare la “patata bollente” nelle mani di Renzi e Berlusconi.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da: