• 41
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 12 giugno, 2018

articolo scritto da:

Sondaggi politici Demos: per gli italiani l’Islam non è una religione violenta

sondaggi politici

Sondaggi politici Demos: per gli italiani l’Islam non è una religione violenta

Un sondaggio Demos per Il Gazzettino smentisce la vulgata che vuole la maggioranza degli italiani considerare l’Islam una religione violenta. Stando alla rilevazione infatti, solo l’11% degli intervistati nel Nord Est ritiene l’Islam una religione che spinge i suoi fedeli alla violenza. Un valore comunque in calo rispetto al 2006 quando questa percentuale raccoglieva il favore del 14% delle persone.

Aumenta invece la percentuale di chi pensa che solo alcuni gruppi estremisti dell’Islam spingano i propri fedeli alla violenza. Se otto anni fa erano il 74% ora sono l’81%.  L’8% si astiene dal commentare.

Anche esaminando le categorie sociali notiamo valori simili. Non c’è molta differenza di percezione tra chi va a Messa e chi non è praticante. Tra i religiosi, la maggioranza (78%) considera l’Islam una religione pacifica. Stessa opinione ce l’ha la maggioranza dei non praticanti (88%).

Cambiano invece le opinioni se analizziamo le simpatie politiche. Tra gli elettori del Pd e quelli di Liberi e Uguali, il giudizio è quasi uguale: rispettivamente il 93% e il 98% dei simpatizzanti ritiene che solo alcuni fondamentalisti spingano i musulmani alla violenza. Una percentuale simile si riscontra anche tra gli elettori Forza Italia (91%) e quelli del Movimento 5 Stelle (86%).

I valori cambiano quando ad essere esaminati sono gli elettori di Fratelli d’Italia e Lega. In Fdi, tre elettori su dieci ritengono l’Islam violento. Tra chi invece simpatizza per la Lega, questa quota cala al 22%.

 

sondaggi politici demos, islam

Sondaggi politici Demos: nota metodologica

L’Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto nei giorni 30 marzo al 6 aprile aprile 2018. Le interviste sono state realizzate con tecnica CATI, CAMI e CAWI da Demetra. Il campione, di 1066 persone (rifiuti/sostituzioni: 7999), è statisticamente rappresentativo della popolazione con 15 anni e più residente in Veneto, in Friuli-Venezia Giulia e nella Provincia di Trento, per area geografica, sesso e fasce d’età (margine massimo di errore 3.00% con CAWI) ed è stato ponderato in base alle variabili socio-demografiche. I dati fino al 2007 fanno riferimento solamente al Veneto e al Friuli-Venezia Giulia. I dati sono arrotondati all’unità e questo può portare ad avere un totale diverso da 100.
Natascia Porcellato, con la collaborazione di Ludovico Gardani, ha curato la parte metodologica, organizzativa e l’analisi dei dati. Marco Fornea ha svolto la supervisione dell’indagine CATI-CAMI-CAWI.

 

PAGINA SPECIALE SULLE ELEZIONI POLITICHE A QUESTO LINK

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: