• 80
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 14 giugno, 2018

articolo scritto da:

Visita fiscale Inps: esonero dipendenti pubblici, quando è previsto

Visita fiscale Inps: esonero dipendenti pubblici quando

Visita fiscale Inps: esonero dipendenti pubblici, quando è previsto.

Per quanto riguarda la visita fiscale Inps l’esonero per i dipendenti pubblici è previsto in casi particolari. E specificati dal nuovo regolamento imposto dal decreto Madia. Lo stesso medico che ha in cura il dipendente pubblico può esonerare lo stesso dalla visita fiscale Inps. Si parla di casi specifici che però non riguardano più patologie il cui tasso di gravità sia minore. Anche per quelle più gravi l’Inps specifica le particolari disposizioni da seguire nei casi presi in esame.

Esonero dalla visita fiscale Inps: quando è previsto?

Prima del decreto Madia le cause che potevano portare all’esonero dalle visite fiscali Inps i dipendenti pubblici erano diverse da oggi. E riconducibili a patologie gravi richiedenti terapie salvavita; infortuni sul lavoro; malattia professionale; e stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta.

Nel decreto Madia, entrato in vigore il 13 gennaio 2018, sono state riformulate queste cause. Che possono portare all’esonero dei dipendenti pubblici dalla visita fiscale Inps. Riepiloghiamo quindi quanto è scritto nel decreto 206/2017 (Articolo 4).

Le circostanze che portano all’esclusione dall’obbligo delle fasce orarie di reperibilità sono dunque riportate alle seguenti circostanze.

  • Patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
  • Causa di servizio riconosciuta che abbia dato luogo all’ascrivibilità della menomazione unica o plurima alle prime tre categorie della Tabella A allegata al decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1981, n. 834; ovvero a patologie rientranti nella Tabella E del medesimo decreto;
  • Stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%.

Visita fiscale Inps: infortuni sul lavoro, cosa prevede la legge

Rispetto al periodo antecedente al decreto Madia, permane dunque il primo punto (patologie gravi richiedenti terapie salvavita). Quindi, è stabilita una percentuale per l’ultimo punto, relativo agli stati patologici connessi alla situazione di invalidità riconosciuta.

C’è stata poi una controversia, che il Ministero ha chiarito con la nota n. 322/2018 e riguardante gli infortuni sul lavoro. In questa si legge che per i casi di infortuni sul lavoro è attribuita all’Inail e non all’Inps la competenza sugli accertamenti, le certificazioni e le prestazioni medico-legali sui lavoratori infortunati.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: