pubblicato: giovedì, 5 luglio, 2018

articolo scritto da:

Paolo Villaggio morto un anno fa, cosa ha lasciato. I film e le scene migliori

Paolo Villaggio Fantozzi

Paolo Villaggio morto un anno fa, cosa ha lasciato. I film e le scene migliori

Era il 3 luglio 2017 quando si spegneva, a 84 anni, Paolo Villaggio, apprezzato sul piccolo schermo per personaggi come il ragionier Ugo Fantozzi e Fracchia, iconici capisaldi del cinema italiano, rappresentazione (fin troppo veritiera) dell’italiano medio. Vediamo, a un anno di distanza dalla morte di Villaggio, cosa abbiamo ereditato da questo poliedrico artista genovese. Un lascito materiale e un retaggio artistico che è stato brillantemente raccolto.

Tom Wolfe: opere e biografia dell’autore che coniò l’espressione “radical chic”

Non solo attore e doppiatore. Paolo Villaggio è stato anche scrittore

Anzitutto, è stato pubblicato postumo ‘Italiani brava gente… ma non è vero!’, libro inedito che esordisce e si chiude con una geniale prefazione e una postfazione di pugno dello stesso ragionier Ugo Fantozzi. Egli  spiega di averlo dato in lettura alla signora Pina, sua consorte. Secondo la donna”si capisce che è scritto da un finto intellettuale di sinistra”. Come scrive Paolo Villaggio nella conclusione, il nostro è  “Un paese ignorante televisivo, pieno di contraddizioni, pieno di Mafia, di Camorra, di tangentisti, di ladri, penultimo in Europa”. Un quadro quantomai spietato e realistico delle condizioni in cui versa il nostro Paese, animato dallo stesso realismo che connotava i personaggi a cui ha dato vita l’attore, lì temperati dalla venatura comica, qui l’espressione nuda e cruda della sua visione.

Sarah Scazzi: lettera di Michele, l’analisi di Roberta Bruzzone

A ricordare l’epopea di Ugo Fantozzi anche un documentario

Il documentario diretto dal critico cinematografico Mario Sesti si intitola La voce di Fantozzi, è andato in onda martedì 3 luglio alle 22.15, su Sky Arte. Sesti ripercorre il lavoro geniale dietro la nascita del personaggio dello sfortunato ragioniere, il retaggio e gli influssi sulla cultura e l’immaginario italiani di quegli anni. Dario Fo, Roberto Benigni, Renzo Arbore, Antonio Ricci, Lino Banfi e almeno un’altra dozzina di intervistati figurano nell’eccezionale documentario di Sesti.

CONTINUA A SEGUIRE TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER  E ISCRIVITI AL FORUM PER RESTARE AGGIORNATO

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Maestro unico

articolo scritto da: