pubblicato: mercoledì, 15 agosto, 2018

articolo scritto da:

Serie B 2018/2019, il focus: Crotone, la filosofia per tornare in alto

Serie B Crotone

Serie B 2018/2019, il focus: Crotone, la filosofia per tornare in alto

Una bella storia dal finale triste.

Si potrebbe riassumere così la stagione 2017/2018 del Crotone che, al suo secondo anno consecutivo in Serie A, ha visto dissolversi il sogno salvezza proprio nelle giornate finali, in seguito a una serie rocambolesca di risultati da parte delle inseguitrici, che hanno impedito agli squali di ottenere una salvezza che probabilmente avrebbe meritato.

Soprattutto sotto la gestione di Walter Zenga, infatti, la squadra rossoblu è riuscita ad ottenere più di un risultato di prestigio, come i pareggi con Inter, Atalanta, Lazio e soprattutto quello con la Juventus, mancando probabilmente in qualche scontro diretto di troppo.

Al termine della stagione il Crotone ha raccolto 35 punti, risultato che non è stato sufficiente come detto ad evitare il terzultimo posto in classifica, che ha sancito il ritorno in Serie B dopo due anni alla squadra calabrese.

LEGGI ANCHE: Verona al nastro di (ri)partenza – focus

Serie B 2018/2019, il focus: gli obiettivi stagionali del Crotone

Con qualche ritocco ad un undici titolare di tutto rispetto, l’obiettivo del Crotone del neo tecnico Giovanni Stroppa (arrivato in seguito alle dimissioni di Zenga) sarà sicuramente il pronto ritorno in Serie A.

Parallelamente agli obiettivi di classifica inoltre, la società sta dimostrando di voler dare continuità al proprio progetto di inserimento in rosa di tanti giovani italiani (basti pensare che ben 8/11 dell’ipotetica formazione iniziale sono italiani), filosofia che ha contraddistinto il club nei due anni in Serie A e non solo, facendone una delle società più “amiche” dei grandi club italiani, sempre più propensi a mandare i propri talenti a crescere in una realtà ideale come quella calabrese.

Grazie a questa base solida e promettente, i tifosi pitagorici possono guardare con ottimismo alla prossima stagione, che vede il Crotone (almeno in partenza) come una delle favorite per la promozione diretta.

Un’arma in più può sicuramente essere rappresentata dallo stadio “Ezio Scida, che grazie all’ambiente creato da una tra le tifoserie più calde in Italia ha sempre rappresentato un ottimo fortino per gli squali, divenendo anche in Serie A un campo ricco di insidie e difficile da espugnare anche per le grandi squadre.

Infine occorre ricordare che anche il fattore motivazionale può essere determinante, con la rabbia dei pitagorici che si son visti negare il ripescaggio in Serie A, richiesto per i presunti illeciti di Chievo e Parma, che potrebbe essere trasformata in carica positiva da riversare sul campo per centrare una pronta risalita.

LEGGI ANCHE: Venezia, Vecchi e giovani – focus

Serie B 2018/2019, il focus: il mercato del Crotone

Come detto la filosofia del club sul mercato è chiara, ossìa tanti giovani (soprattutto in prestito) da poter valorizzare e mettere nelle condizioni di esprimere al meglio il proprio potenziale.

In questa sessione di mercato gli acquisti non sono stati tantissimi ma comunque hanno rafforzato la squadra laddove, a causa di alcune cessioni importanti, era rimasta scoperta.

Son parecchi gli arrivi in difesa, con le firme dei giovani Federico Valietti e Marcos Curado dal Genoa e Riccardo Marchizza dal Sassuolo.

Prelevato anche il classe ’91 serbo Vladimir Golemic, difensore centrale che nelle ultime due stagioni ha vestito la maglia del Lugano.

Al centro il vero colpo è rappresentato senza dubbio dal riscatto di Ahmed Benali dal Pescara, giocatore che ha già dimostrato in passato di essere un big per la Serie B, oltre al ritorno dopo vari prestiti della mezzala Marco Firenze, classe ’93, che a giudicare dalle prime uscite sembra rappresentare per Stroppa un titolare a tutti gli effetti.

In avanti l’unico arrivo fino ad oggi è stato quello di Salvatore Molina, ala offensiva di proprietà dell’Atalanta che costituisce comunque un ottimo elemento per la categoria.

La cessione più importante è stata sicuramente quella di Federico Ceccherini, difensore 26enne che negli ultimi anni è stato un vero leader per la difesa pitagorica e su cui la Fiorentina ha deciso di investire l’importante somma di 3 milioni di euro.

Le altre partenze sono quelle del difensore Leandro Cabrera al Getafe (pagata la clausola di 600mila euro) e di Oliver Kragl che è tornato al Foggia dopo esserci già stato per l’ultima parte della scorsa stagione.

LEGGI ANCHE: Cremonese, Mandorlini il vero colpo – focus

Serie B 2018/2019, il focus: La probabile formazione del Crotone

4-3-3: Cordaz; Faraoni, MARCHIZZA, CURADO, Martella; FIRENZE, Barberis, BENALI; Nalini, Budimir, MOLINA. Allenatore: STROPPA

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOK, TWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Maestro unico

articolo scritto da: