• 11
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 18 agosto, 2018

articolo scritto da:

Claudio Lolli è morto dopo una lunga malattia, la causa della morte

Claudio Lolli è morto dopo una lunga malattia, la causa della morte.

È morto ieri, 17 agosto 2018, il bolognese Claudio Lolli. Colto da un improvviso malore, uno dei cantautori più impegnati della scena artistica italiana, ci ha lasciati per sempre. Su Facebook messaggi di cordoglio tra cui quello dell’assessore comunale alla cultura Matteo Lepore, che scrive sottolineando come Bologna oggi abbia perso un artista “forse troppo dimenticato”.

Claudio Lolli: chi era

Classe 1950, da professore liceale fu spronato ad intraprendere la strada del cantautorato da Francesco Guccini. Mosse i primi passi nella famosa Osteria della Dame a Bologna fino ad arrivare alla firma del contratto discografico con la Emi tramite Guccini. Nella sua carriera produsse circa una ventina di album, tra di essi il suo primo disco nel 1972 Aspettando Godot fu uno dei più chiari cenni dell’interesse dell’autore, ovvero quello di sottolineare la protesta giovanile e dargli voce. Claudio Lolli verrà per questo ricordato come il “poeta del Movimento”  in quanto si rivelò subito come un artista in grado di esprimere il suo pensiero verso i problemi della società. Secondo quanto affermato in un’intervista la musica gli aveva salvato la vita dalla banalità. Per Lolli essa ha uno scopo: “cercare di guardare la realtà con occhi diversi e raccontarla”.

Ti potrebbe interessare anche: Crollo Genova: perchè Ponte Morandi è crollato, tutte le ipotesi

Claudio Lolli: i suoi successi

Da ricordare Un uomo in crisi. Canzoni di Morte. Canzoni di vita, secondo album del cantautore uscito nel 1973, in cui il suo stile e le sue idee erano perfettamente legate al clima dell’epoca. Un successo che conteneva il titolo destinato ad Antonio Gramsci in “Quello lì” e  con “Morire di leva” un chiaro inno anti militare. La cornice del ’70 fu il terreno fertile per il suo successo, diventando così uno dei più attivi ed apprezzati cantautori del tempo. In Canzoni di rabbia del 1975, Claudio Lolli riuscì a discutere senza mezzi termini i contenuti attuali del suo periodo come: emarginazioni sociali, disuguaglianze e tumulti. L’artista segnò un grande successo nella discografia italiana degli anni settanta, ridefinendo il suo stile ed i temi a lui attribuiti, con canzoni come “Ho visto anche degli zingari felici (1976)”. Proprio in quella data conobbe sua moglie Marina, che non avrebbe più lasciato. Dopo il matrimonio ebbero due figli Tommaso e Federico. Ma come afferma la moglie in un’intervista “la vita artistica era solo sua”.

È scomparso senza nessun preavviso, come afferma Marina “è stato tutto così rapido; non era malato. Si muoveva con qualche difficoltà, ma era tutto sotto controllo”. Il giorno di Ferragosto, secondo quanto riportato, non si sentiva bene. Proprio nella giornata di ieri dopo aver chiesto un’ambulanza, un malore lo ha colto all’improvviso durante il tragitto fermando la corsa verso l’ospedale.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOKTWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: