04/10/2018

Sondaggi politici Euromedia-Piepoli: italiani divisi sulla manovra finanziaria

sondaggi politici piepoli-euromedia, manovra finanziaria

Sondaggi politici Euromedia-Piepoli: italiani divisi sulla manovra finanziaria

La manovra finanziaria che sta preparando il governo Movimento 5 Stelle e Lega divide gli italiani. A sostenerlo è un sondaggio congiunto Euromedia-Piepoli per Porta a Porta andato in onda martedì 2 ottobre 2018.

Secondo l’istituto guidato da Ghisleri, il 44,1% degli italiani (il 44% per Piepoli) afferma di essere “preoccupato” dalla manovra e che “il governo avrebbe dovuto essere più prudente”. Il 43,4% degli intervistati (dati Euromedia) considera invece “giusto” sforare il deficit al 2,4% per approvare provvedimenti utili al Paese. Piepoli sonda questo campione al 44%.

Sul reddito di cittadinanza invece i giudizi degli intervistati si fanno più netti. Poco più del 60% degli italiani, (dati Piepoli e Euromedia), boccia il cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle. Secondo la maggioranza il reddito di cittadinanza non farà aumentare i posti di lavoro e non rilancerà i consumi.

Raccoglie invece pareri positivi l’altra misura importante che caratterizza la manovra finanziaria del governo Conte: la flat tax caldeggiata dalla Lega. Il 56,7% degli intervistati (dati Euromedia) è d’accordo nell’applicare la flat tax in un primo momento solo a lavoratori autonomi e partite Iva. Piepoli alza questa soglia al 63%.

Intanto arrivano novità sulla manovra dall’ultimo vertice di governo che si è tenuto ai primi di ottobre. Secondo fonti vicine all’esecutivo, il rapporto deficit/Pil sarà fissato al 2,4% solo nel 2019, poi scenderà al 2,1% nel 2020 e all’1,8% nel 2021.

sondaggi elettorali piepoli-euromedia, flat tax sondaggi elettorali piepoli-euromedia, manovra finanziaria

Sondaggi politici Euromedia-Piepoli: nota metodologica

EuromediaData o periodo in cui è stato realizzato il sondaggio: 1 ottobre. Campione casuale nazionale rappresentativo della popolazione italiana maggiorenne secondo genere; età, livello di scolarità, area geografica di residenza, dimensione del comune di residenza. (800 interviste): 800 intervistati (interviste valide) – numero dei non rispondenti/rifiuti all’intervista: 1.136 – totale contatti effettuati: 1.936. Il margine di errore relativo ai risultati del sondaggio (livello di rappresentatività del campione del 95%) è +/- 3.5% per i valori percentuali relativi al totale degli intervistati (800 casi). Metodo raccolta delle informazioni: Interviste telefoniche – metodologia C.A.T.I.-C.A.M.I.

Piepoli. In attesa di diffusione.

 

PAGINA SPECIALE SULLE ELEZIONI POLITICHE A QUESTO LINK

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM