pubblicato martedì, 15 Gennaio 2019

articolo scritto da

Conto corrente estero online: come aprirlo gratis dall’Italia

Conto corrente online estero
Conto corrente estero online: come aprirlo gratis dall’Italia

Apertura conto corrente estero dall’ Italia, quali possibilità?


La principale motivazione che porta ad aprire un conto corrente estero online è la ricerca di rendimenti più alti, non garantiti dagli istituti bancari nostrani, ma anche la possibilità di risparmiare qualcosa sulla tenuta del conto. Fino a qualche anno fa era molto difficile aprire un conto corrente all’estero, perché la maggior parte degli istituti di credito chiedeva (e richiede tuttora) la residenza. Oggi, invece, è possibile aprire un conto corrente online all’estero con pochi click. Si tratta di una cosa legale, ovviamente a patto che i redditi versati su questo conto siano comunque dichiarati nel Paese di residenza. E dunque siano regolarizzati sotto il profilo fiscale.


Conto corrente estero online: come aprirlo

Tra i Paesi più avanti su quelle che vengono ormai chiamate “banche del futuro” spicca sicuramente la Germania. Aprire un conto corrente all’estero può infatti essere conveniente, ma bisogna valutare anche il livello di rischio; si pensi al caso della Grecia, ma anche a quello di Cipro, che pur attraversando una grande crisi, continua a ospitare conti correnti di società straniere.

Detto questo, certamente la Germania è un Paese sicuro e offre diverse soluzioni che con il tempo sono state ottimizzate, superando anche gli scogli più duri, soprattutto nel nostro Paese. Spesso, per aprire un conto corrente online estero serve solo la copia di un documento e un selfie, nonché la compilazione di un apposito modulo. Non servirà dunque recarsi nel Paese estero (ad esempio, la Germania), né avere lì la residenza.

Conto corrente online all’estero: il caso Viabuy

Andiamo subito a fare due esempi pratici. Il primo caso corrisponde al nome di Viabuy, da molti considerato uno dei migliori conti correnti online all’estero. Si tratta di un conto con sede in Germania che può essere facilmente aperto, perché non viene richiesta la situazione reddituale.

Il conto offre anche una carta prepagata, con la quale si possono effettuare acquisti online e tramite POS; non solo, i prelievi possono essere praticati in qualsiasi Bancomat, facendo parte del circuito Mastercard. La carta ha ovviamente un Iban estero e ci sono i tradizionali limiti di spesa e prelievo. L’emissione ha un costo (circa 70 euro), ma il canone è azzerato per i primi 3 anni. Dal 4° anno in poi, infatti, si dovranno pagare 19,99 euro di canone annuo. Per aprire il conto sarà sufficiente recarsi sul sito di Viabuy e selezionare il pulsante Ordinare la Carta, quindi inserire i propri dati come richiesto. La carta arriverà poi a casa con un foglio informativo.

Imposta di bollo e costi: come non pagarli

Conto corrente online estero: il caso N26

Un’altra realtà interessante, sempre made in Germany, è N26 (ex Number 26). Anche qui avremo quindi un conto corrente estero, con tanto di Mastercard gratuita, tramite la quale si potrà prelevare nei vari Bancomat senza pagare fastidiose commissioni. Il conto corrente è totalmente controllabile tramite app mobile, scaricabile sia su iPhone sia su dispositivi Android.

L’apertura del conto corrente N26 è leggermente cambiata: una foto identificazione tramite documento d’identità e un selfie hanno presto il posto della videochiamata online. N26 consente di aprire un “conto base” a canone azzerato, che consente prelievi gratuiti in zona Euro e pagamenti gratis in ogni valuta. Altrimenti sarà possibile scegliere carte più avanzate (Black o Metal) e perfino soluzioni Business. Per maggiori informazioni e aprire il conto, bisognerà recarsi sul sito di N26.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: