Pubblicato il 13/11/2018

Nicola Zingaretti al M5S ‘chiedano scusa alla stampa’

autore: Gloria Frugoni
Sondaggi politici Izi: primarie Pd, Zingaretti davanti a tutti, lontano Minniti

Nicola Zingaretti al M5S ‘chiedano scusa alla stampa’

Sulla questione della sentenza sul caso Raggi interviene anche Nicola Zingaretti. Il governatore del Lazio e candidato alla segreteria del Pd  invita Di Maio e il M5S a «chiedere scusa».

Il post su Facebook di Nicola Zingaretti

Sull’assoluzione di Virginia Raggi, Nicola Zingaretti ha dichiarato: “Sono contento che Virginia Raggi sia stata assolta. Lo sono dal punto di vista personale e umano. E lo sono politicamente perché ho sempre sostenuto nella mia vita il rifiuto totale di scorciatoie giudiziarie per affrontare nodi e battaglie che sono politiche. Ora tutti si aspettano che, comunque, a Roma si volti pagina perché così non si può andare avanti. Noi siamo pronti a dare una mano. Ma, per cortesia, vergognatevi per la vostra aggressività questa volta verso i giornalisti.”

Altre dichiarazioni di Nicola Zingaretti su Di Maio e i 5S

Nicola Zingaretti aggiunge: «Siete stati voi  che, anche a Roma, in occasione dell’avvio di qualsiasi indagine giudiziaria, vi siete comportati come delle iene feroci calpestando la normale dialettica politica e aggredendo con una violenza inaudita tutti coloro che erano anche solo oggetto di inchieste, con squallide conferenze stampa e sceneggiate. Addirittura utilizzando le arance per mortificare e umiliare le persone in carcere. E si era solo a un livello di indagine e non di processo. Danneggiando in questo modo anche la tranquillità con la quale le indagini giudiziarie devono giustamente svolgersi. Lo avete fatto calpestando quella dignità di relazioni che ora, in maniera sfacciata, pretendete per voi stessi. Quindi da voi attendiamo l’unica cosa seria che ancora non avete fatto: chiedete scusa.»

Marco Minniti: biografia, famiglia e moglie. Chi è l’ex ministro

Le dichiarazioni di Manlio Di Stefano sull’assoluzione di Virginia Raggi

Il sottosegretario agli Affari Esteri Manlio Di Stefano Sostiene che bisogna «abolire il finanziamento pubblico all’editoria». Commentando la vicenda che ha portato all’assoluzione di Virginia Raggi sostiene: «Quasi tutti i giornali hanno raccontato la vicenda Raggi condannandola già prima della sentenza. Ieri la sindaca di Roma è stata assolta e finalmente la macchina del fango innescata contro di lei ha avuto una battuta d’arresto, perché questa è la pazza realtà in Italia: una stampa che per anni è stata accondiscendente con chi ha commesso le peggiori nefandezze e che si risveglia solo quando governa chi non è di “suo” gradimento». Conclude dicendo: «Vogliamo una stampa indipendente e obiettiva perché questo non è giornalismo».

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM