Legge 104 e tumore tiroide, quando arrivano le agevolazioni

Pubblicato il 22 Marzo 2019 alle 06:13 Autore: Daniele Sforza

Con un tumore alla tiroide e intervento chirurgico annesso è possibile chiedere la Legge 104 e ottenere le agevolazioni? Andiamo a rispondere.

Legge 104 e tumore tiroide
Legge 104 e tumore tiroide, quando arrivano le agevolazioni

Tumore alla tiroide e Legge 104


Si può chiedere la Legge 104 a causa del tumore alla tiroide? Per rispondere a questa domanda bisogna fare riferimento a un allegato al Decreto Ministeriale del 5 febbraio 1992, che include le tabelle delle percentuali di invalidità ordinata per apparati. Infatti, sono in molti a chiedere se dopo l’asportazione della tiroide causa tumore è possibile fare domanda di invalidità e di Legge 104 e beneficiare quindi delle agevolazioni previste. Andiamo quindi a fare un breve riepilogo delle informazioni utili sull’argomento.

Assegno di invalidità Inps ed esenzione: i casi da aggravamento

Legge 104 e tumore tiroide: quando si è invalidi civili

Nella tabella a cui abbiamo fatto riferimento sopra troviamo quella correlata alla patologia neoplastica. Riportiamo quindi la suddetta tabella, elencando codice, tipo di patologia e percentuale di invalidità, che in questo caso è solo fissa.

CodicePatologia neoplasticaPercentuale di invalidità
9322Neoplasie a prognosi favorevole con modesta compromissione funzionale11%
9323Neoplasie a prognosi favorevole con grave compromissione funzionale70%
9325Neoplasie a prognosi infausta o probabilmente sfavorevole nonostante asportazione chirurgica100%

Ne consegue che chi risponde alla prima voce della tabella soprastante non può ottenere lo status di invalido civile, visto che questa condizione viene certificata quando il valore tabellato è almeno superiore al 33%. Come si può vedere, solo in casi estremamente gravi (compromissione funzionale, prognosi infausta) la percentuale di invalidità sale raggiungendo i valori prefissati. Sono dunque le gravi conseguenze a seguito di un’asportazione chirurgica della tiroide a determinare l’invalidità e l’eventuale capacità lavorativa, e non l’intervento chirurgico se stesso o la mancanza della tiroide.

Ciò significa che il tumore alla tiroide e le sue conseguenze (con prognosi favorevole) non determinano handicap in situazione di gravità, elemento imprescindibile per vedersi riconosciuta la Legge 104 e ottenere i benefici previsti dall’art. 3 comma 3 della suddetta legge.

In quanto alla domanda di invalidità, invece, si può comunque fare domanda e sottoporsi alla visita specialistica dell’apposita commissione medica, che alla fine rilascerà il verbale di invalidità, attestando l’eventuale percentuale riconosciuta correlata alla patologia.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →