14/05/2019

Maturità 2019: prova orale, la nota del Miur e come si svolge

autore: Guglielmo Sano
Date materie Maturità 2019 online
Maturità 2019: prova orale, la nota del Miur e come si svolge

Sempre più vicina la Maturità 2019, con tutte le sue novità ad attendere studenti e docenti. Come è noto, non solo le prove scritte, anche la prova orale sarà oggetto di cambiamenti: basta dire che è stata abolita la famigerata tesina”. Ora, il Miur con una nota spiega nello specifico in cosa dovrebbero consistere. L’inizio dei colloqui è previsto per il 19 giugno.

Maturità 2019: prova orale divisa in 4 parti

Il colloquio sarà diviso in quattro parti (non potrà superare la durata complessiva di 60 minuti); si comincia con l’apertura di una delle tre buste – la scelta spetta al candidato – contenente dei materiali che daranno lo spunto per una trattazione pluridisciplinare degli argomenti svolti durante l’anno. A partire dai materiali la commissione dovrà guidare l’esaminando in una trattazione che prenda in considerazione i punti nodali delle varie discipline.

Maturità 2019: nomi commissari, materie, regolamento

Successivamente, l’esame proseguirà con un’esposizione riguardante l’alternanza scuola-lavoro, poi, con l’accertamento delle competenze acquisite nelle attività di Cittadinanza e Costituzione, infine, commissione ed esaminando discuteranno dello svolgimento delle prove scritte di quest’ultimo.

Maturità 2019: i materiali da scegliere per le buste

Tali materiali possono essere dei testi, dei brani di prosa o poesia, in italiano o in lingua straniera, dei documenti come fotografie di opera d’arte per esempio, oppure tabelle con grafici, articoli di giornale ma anche dei documenti legati a progetti scolastici o ancora problemi specificatamente riferibili all’indirizzo della scuola che l’alunno dovrà risolvere.

Simulazioni seconda prova Maturità 2019: date online, calendario

La scelta che spetta alla commissione esaminatrice dovrà comunque partire dagli argomenti, dalle attività e dalle esperienze fatte in classe durante l’anno così come riportate nel cosiddetto documento del 15 maggio, in quest’ultimo ogni consiglio di classe ricapitola sostanzialmente il percorso didattico svolto.

SEGUI IL NUOVO TERMOMETRO QUOTIDIANO A QUESTO LINK.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Hai suggerimenti o correzioni da proporre? Scrivici a [email protected]

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →