Documenti validi per votare alle elezioni europee e amministrative 2019

Pubblicato il 23 Maggio 2019 alle 12:50 Autore: Daniele Sforza

Ecco quali sono i documenti validi richiesti per votare alle elezioni europee e amministrative che si terranno domenica 26 maggio 2019.

Documenti validi per votare
Documenti validi per votare alle elezioni europee e amministrative 2019

Domenica 26 maggio non si voterà solo per le elezioni europee, ma anche per le amministrative (la lista dei Comuni è disponibile sul sito del Ministero dell’Interno). A queste si aggiungono anche le elezioni regionali (in Piemonte) e quelle suppletive alla Camera, ma solo nella XXVIII Circoscrizione Trentino-Alto Adige, collegio uninominale n. 4 (TN) e n. 6 (Pergine Valsugana – TN). Si voterà, come anticipato, domenica 26 maggio, dalle ore 7 alle ore 23. In ogni caso, chi andrà a votare dovrà essere munito di documenti validi per esprimere la propria preferenza elettorale. Quali sono?

Europee e amministrative: quali sono i documenti validi per votare

Come spiegato dal Ministero dell’Interno, i documenti d’identità validi da presentare al momento del voto sono compresi nelle seguenti categorie.

  • Carta d’identità o altro documento d’identificazione munito di fotografia, rilasciato dalla pubblica amministrazione.
  • Tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché munita di fotografia e convalidata da un Comando militare;
  • Tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, purché munita di fotografia.

Oltre alla carta d’identità, un altro documento valido per votare è anche la patente di guida.

Come votare in un seggio diverso dal proprio alle elezioni europee 2019

Documenti validi per votare: info sulla tessera elettorale

Ovviamente, oltre al documento d’identità valido, sarà anche richiesto di presentare la tessera elettorale, indispensabile per esprimere la propria preferenza. Quest’ultima attesta la regolare iscrizione del cittadino nelle liste elettorali del Comune dove risiede, è personale e indica il luogo e dunque la sezione elettorale di riferimento e la sede dove recarsi per andare a votare.

La tessera elettorale contiene 18 spazi disponibili. Qualora questi siano esauriti, la tessera elettorale andrà rinnovata presso l’ufficio elettorale del Comune di residenza. Naturalmente, prima ce se ne accorge e si procede al rinnovo, minore sarà la probabilità di trovare file, soprattutto a ridosso del giorno del voto. L’ufficio elettorale resta comunque aperto dalle ore 9 alle ore 18 anche nei due giorni prima del voto e nella data (e durata) dello stesso, quindi dalle 7 alle 23.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →