Chi vincerà le elezioni europee 2019 in Italia ed Europa per i bookmakers

Pubblicato il 21 Maggio 2019 alle 14:44 Autore: Daniele Sforza

Chi vincerà le elezioni europee 2019? La risposta la sapremo il 26 maggio, ma fino a quel momento possiamo appellarci alle scommesse dei bookmakers.

Chi vincerà le elezioni europee 2019 secondo i bookmakers
Chi vincerà le elezioni europee 2019 in Italia ed Europa per i bookmakers

Chi vincerà le elezioni europee 2019? Chi non crede ai sondaggi può stare tranquillo: c’è il blackout elettorale e quindi non propineremo le ultime intenzioni di voto rilevate. Però, per avere un’idea di quello che può succedere il 26 maggio, ci si può appellare ai bookmakers e alle loro scommesse. Certo, la posta in gioco è forse meno goliardica di quella dell’Eurovision, ma i risultati possono comunque essere interessanti. Quindi, cosa dicono i bookmakers a proposito delle elezioni europee?

Chi sarà il nuovo presidente della Commissione europea

Le indicazioni sotto riportate si riferiscono a stime elaborate nel mese di aprile. In un mese, si sa, possono cambiare molte cose, ma può essere interessante valutare le percentuali di probabilità di vittoria dei singoli partiti nonché dei candidati alla presidenza della Commissione Ue fino a poco tempo fa. Ad esempio, chi sarà il nuovo presidente della Commissione europea?

Stando a un report di EGBA (European Gaming and Betting Association) aggiornato al 9 aprile 2019, Manfred Weber (Partito Popolare Europeo) aveva buone probabilità di spuntarla. A seguirlo con un po’ di distacco il “collega” Michel Barnier. Dopo di loro spiccavano Frans Timmermans (Socialisti e Democratici) e Margrethe Vestager (Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa).

In merito alle quote, stando al noto sito Oddschecker che sovente calcola le medie in base alle varie quotazioni, Manfred Weber è quotato 6/4 (per farla breve, scommettendo 1 euro si otterrebbe una vincita di 2,5 euro), mentre Michel Barnier sarebbe dato a 8/1. Stessa quotazione per la Vestager, mentre Timmermans sarebbe quotato a 9/1.

Chi saranno i vincitori delle elezioni europee 2019: l’analisi delle scommesse

EGBA (con dati sempre fermi al 9 aprile) ha previsto che il maggior numero di seggi sarà assegnato al Partito Popolare Europeo, mentre in seconda posizione troviamo i Socialisti e Democratici e infine, sul gradino più basso del podio, ALDE.

Oddschecker quota il superfavorito PPE 1/25, mentre S& D è quotato a 11/1. Più distanti ALDE (35/1) ed Europe for Nations and Freedom (41/1).

Chi vincerà le elezioni europee 2019: la situazione in Italia secondo i bookmakers

Ad aprile EGBA dava in alto la Lega (ENF), conferendole buone possibilità di uscire vittoriosa. Va detto però che nel corso di 1 mese e mezzo le cose sono parecchio cambiate e qualche tensione si è inasprita. Avranno avuto effetto queste azioni sulle scommesse e sull’umore degli elettori? Non possiamo rispondere a questa domanda, se non a posteriori. Intanto, dopo la Lega toccava al M5S (Europa della Libertà e della Democrazia Diretta, EFDD), alla pari del PD (S&D). Poche possibilità per Forza Italia (PPE).

Anche Oddschecker dà la Lega praticamente favorita, quotandola a 1/20. Più staccato il M5S (76/5), mentre lontanissimi sono PD e Forza Italia (entrambi quotati a 97).

Elezioni europee 2019: cosa dicono i bookmakers sugli altri Paesi dell’Europa?

Tornando al report di EGBA dello scorso aprile diamo una rapida occhiata ai risultati più sicuri e a quelli più incerti (almeno fino a quel momento).

In Austria sembrava in vantaggio ÖVP, tallonato però da FPÖ. In Belgio guidava la classifica delle scommesse la Nuova Alleanza Fiamminga (Conservatori e Riformisti Europei, ECR). In seconda posizione spiccavano i Cristiano Democratici e Fiamminghi del PPE. Situazioni quasi archiviate per i bookmakers erano quelle di Croazia (HDZ/PPE) e Cipro (DISY/PPE). Da segnalare anche le elevate possibilità dei Partiti dell’Unione (PPE) in Germania e di Fidesz (PPE) in Ungheria, così come per il Partito Socialista (S& D) in Portogallo. Ad aprile si registrava invece ancora incertezza in Francia dove En Marche di Macron distanziava di poco il Raggruppamento Nazionale (ex FN) di Le Pen.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
redazione@termometropolitico.it

L'autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →