Bonus facciate condominiali 2020: importo detrazioni e quali sono le novità

Pubblicato il 17 Ottobre 2019 alle 14:19 Autore: Claudio Garau

Bonus facciate condominiali 2020: quali sono i vantaggi dell’agevolazione fiscale, a quanto ammonta e dove potrà essere applicata. Le finalità.

Bonus facciate condominiali 2020 importo detrazioni e quali sono le novità
Bonus facciate condominiali 2020: importo detrazioni e quali sono le novità

In questi giorni l’argomento clou della politica è stato l’approvazione della manovra finanziaria, avvenuta non senza intoppi e difficoltà. Sono davvero tanti i settori in cui il Governo ha deciso di intervenire: sconti fiscali sulla busta paga dei lavoratori, blocco dell’aumento dell’IVA, mantenimento di quota 100 senza correzioni e non solo. In particolare, vediamo di seguito le caratteristiche della cosiddetta detrazione per la ristrutturazione delle facciate esterne degli edifici (il cosiddetto “bonus facciate condominiali”) per abbellire e dar un aspetto più nuovo alle vie cittadine.

Se ti interessa saperne di più su come comportarsi in caso di ascensore rotto in condominio, chi paga e a chi spetta chiamare l’assistenza, clicca qui.

Bonus facciate condominiali: cos’è e dove potrà valere

Si tratta di un bonus o agevolazione fiscale che, nelle intenzioni dei promotori, è stata inserito nella manovra 2020 allo scopo di consentire un credito fiscale del 90% a coloro che decidono di rifare, nel corso del prossimo anno, la facciata di casa o del condominio, in centro storico o periferia, nelle grandi città o nei piccoli comuni.

Insomma, è un’agevolazione valevole ovunque sia necessaria o opportuna un’operazione di ristrutturazioni esterna e di restauro degli edifici. Come appena detto, la detrazione sarà corposa, dando luogo ad un rimborso delle spese per i lavori di ristrutturazione esterna, pari al 90% della spesa sostenuta. Si attendono, tuttavia, maggiori dettagli circa i limiti di importo e le spese specifiche ammesse in detrazione fiscale.

Salvo novità, il bonus facciate condominiali sarà utilizzabile a partire dai lavori avviati dal 1° gennaio 2020.

Se ti interessa saperne di più su che cos’è una citazione condominio, come si scrive e a chi va inviata, clicca qui.

Da dove trae spunto e qual è la finalità

In verità, quella del bonus facciate condominiali è una proposta non nuova: c’è un noto precedente, risalente agli anni ’60, ovvero la legge francese denominata “Loi Malraux” (dal nome dell’uomo politico francese, ministro della cultura in quel decennio). Tale provvedimento cambio l’immagine di molte località francesi e, adesso, sembra fungere da esempio da seguire anche in Italia.

Vale la pena ricordare che tale credito di imposta è un beneficio fiscale che vanta il contribuente nei confronti dell’Erario. Il credito è, di fatto, molto utile al privato cittadino, in quanto può essere utilizzato per compensare eventuali debiti, per il pagamento di imposte dovute o se ne può richiedere il rimborso nella dichiarazione dei redditi.

Sul piano delle finalità del bonus facciate condominiali, è chiaro l’intento di favorire il miglioramento edilizio, di rilanciare la cura dei palazzi e di incentivare il risparmio energetico; ciò produrrà effetti positivi sull’occupazione in ambito edilizio, sul decoro delle città e sulle entrate fiscali.

Segui Termometro Politico su Google News

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →