Startup online: come si creano in rete e a cosa servono

Pubblicato il 19 Novembre 2019 alle 11:30 Autore: Claudio Garau
Startup online: come si creano in rete e a cosa servono
Startup online: come si creano in rete e a cosa servono

Forse non tutti sanno che le startup, oggi, si costituiscono anche online, con un indubbio risparmio di tempo e di denaro per tutti gli imprenditori innovativi che vogliono sfruttare al meglio i benefici delle nuove tecnologie. Vediamo allora come di fatto è possibile creare una startup online e qual è la finalità di tale scelta.

Se ti interessa saperne di più sulla differenza tra Spa e startup e regime fiscale, clicca qui.

Startup online: di che si tratta?

Preliminarmente, ricordiamo in sintesi che cos’è una start-up: con questi termini anglosassoni, s’intende fondamentalmente un’azienda che opera in settori ad alta tecnologia (ad esempio, informatica, energie rinnovabili, robotica ecc.) e che trova la sua disciplina normativa nella legge n. 221 del 2012, ovvero il cosiddetto “Decreto Crescita 2.0“. Tale provvedimento ha avuto il beneficio di chiarire e definire una particolare tipologia di impresa, ovvero la start-up innovativa e caratterizzata da un tratto essenziale, la scalabilità. Secondo la legge, una start up è scalabile laddove la sua attività innovativa e ad alto tasso tecnologico è facilmente replicabile nel mercato di riferimento. Ciò determina un possibile aumento di dimensioni e di fatturato, anche in breve termine.

Come accennato, la via digitale di costituzione di una startup online è sempre più gettonata. Sebbene di fatto possibile a partire dal luglio del 2016, soltanto negli ultimi mesi pare che stia davvero prendendo piede tra i giovani imprenditori. Essa, in sostanza, comporta la possibilità di iscriversi sul web, o con il supporto tecnico della Camera di Commercio o in piena autonomia, ma senza l’obbligo di spese per la prestazione resa dal notaio. Infatti, se la startup è costituita online, scatta l’esenzione dall’atto notarile, con un risparmio medio sui costi di avvio dell’impresa, pari ad almeno 2.000 euro. Un altro vantaggio di questa modalità è nel fatto che lo “status”di startup innovativa è attribuito già al momento della costituzione.

Se ti interessa saperne di più sulla firma digitale e sul regolamento europeo Eidas in proposito, clicca qui.

Come si può creare?

Insomma, oggi creare una startup online, al fine di intraprendere una nuova attività innovativa, possibilmente espandendola nel corso del tempo, è assai conveniente, e soprattutto è gratuito. È sufficiente infatti attivare la procedura online, tramite la piattaforma startup.registroimprese.it, che necessita della validazione degli atti fondativi mediante firma digitale e di una Pec riferibile unicamente alla nuova impresa. A seguito della fase online, vi sarà poi l’iscrizione nella sezione speciale dedicata, all’interno del Registro delle Imprese. Peraltro, come confermano i dati ministeriali, si sono ultimamente abbassati i tempi di attesa tra la costituzione e l’effettiva iscrizione dell’impresa nella sezione speciale del registro delle imprese dedicata alle startup innovative: infatti, nel 2019 sono scesi da 34 giorni agli attuali 22,1 giorni.

Concludendo, sono piuttosto chiari i vantaggi della costituzione di una startup online: risparmio di costi, molta meno burocrazia e più tempo da spendere per migliorare e perfezionare l’organizzazione e i target della nuova azienda. C’è da ritenere, insomma, che la crescita di tali aziende aumenterà esponenzialmente, come già gli attuali dati stanno evidenziando.

Hai suggerimenti o correzioni da proporre?
Scrivici a
[email protected]

L'autore: Claudio Garau

Laureato in Legge presso l'Università degli Studi di Genova e con un background nel settore legale di vari enti e realtà locali. Ha altresì conseguito la qualifica di conciliatore civile. Esperto di tematiche giuridiche legate all'attualità, cura l'area Diritto per Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Claudio Garau →